informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

BIM: cos’è, a cosa serve, chi lo userà

Commenti disabilitati su BIM: cos’è, a cosa serve, chi lo userà Studiare a Genova

Quando parliamo di BIM stiamo parlando del Building Information Modeling, ovvero di una metodologia che comprende diversi software finalizzati alla progettazione e alla costruzione, utilizzati durante le fasi di sviluppo. È abbastanza normale che uno studente di ingegneria civile a Genova ne abbia sentito parlare, ma al di fuori del settore sono ancora tanti a non conoscere con esattezza di cosa si tratta. In questo breve articolo cercheremo di fornire informazioni sufficienti per saperne di più.

Bim: cos’è il Building Information Modeling

sistema informativo digitale Il settore dell’edilizia e delle costruzioni subisce costanti variazioni, frequenti innovazioni. Anche questo ambito professionale è stato investito dalla recente digitalizzazione. Non più tanto recente, in realtà. Sono ormai decenni che il digitale si è integrato nel settore dell’ingegneria, ribaltando la metodologia impiegata. Il BIM rientra a pieno titolo in questo discorso.

Il Building Information Modeling è appunto una metodologia, di grande rilevanza per il settore edile, architettonico e interstrutturale, che viene applicata soprattutto in ambito pubblico (per questo motivo poco fa abbiamo citato proprio gli studenti di Ingegneria Civile. Progetti di grandi dimensioni, che vedono coinvolti governi (o anche privati) ne conoscono perfettamente le funzionalità e i vantaggi.

Il BIM è un metodo integrato di progettazione in grado di operare la raccolta, l’unificazione e la combinazione tra diversi dati riguardanti la progettazione di un edificio. Viene utilizzato sia per le costruzioni ex novo, sia per pianificare tempi e modalità di esecuzioni della gestione futura.

Come riporta la pagina Wikipedia:

La prima persona a divulgare ampiamente il termine fu Jerry Laiserin[] all’interno delle sue pubblicazioni negli USA (2002).

La definizione di BIM non è standard e la dimostrazione è l’elevato numero di definizioni rintracciabili sia su opere pubblicate o in circolazione sulla rete internet. Si sta però lavorando a una norma europea per la standardizzazione delle definizioni. La versione più aggiornata è: “use of shared digital representation of a built object (including buildings, bridges, roads, process plants, etc.) to facilitate design, construction and operation processes to form a reliable basis for decisions”

Si può definire BIM come il processo di sviluppo, crescita e analisi di modelli multi-dimensionali virtuali generati in digitale per mezzo di programmi su computer.
Il ruolo di BIM nell’industria delle costruzioni (attraverso i suoi attori siano questi Architetti, Ingegneri, Geometri, Periti, Costruttori, Clienti) è di sostenere la comunicazione, la cooperazione, la simulazione e il miglioramento ottimale di un progetto lungo il ciclo completo di vita dell’opera costruita.

La storia del BIM

Quando è nato il BIM? Possiamo forse indicare una data: 1987, ovvero l’anno in cui per la prima volta venne effettuato il primo esperimento BIM, per una costruzione di tipo virtuale che venne effettuata tramite l’aiuto per programma ArchiCAD. Quella fu la prima volta che il BIM ebbe un ruolo nello sviluppo della pianificazione di una costruzione, un ruolo destinato a diventare via via sempre più importante.

Attualmente il BIM è considerato un processo di condivisione integrato, grazie al quale le informazioni vengono messe in rete in modo integrato, consentendo una multidisciplinarietà molto efficace.  Nel corso degli anni, poi, esso si è sempre evoluto in una metodologia indispensabile per opere di grosse dimensioni in cui può verificarsi una dispersione di dati ed attraverso il quale è possibile non solo pianificare e gestire, ma anche sviluppare i modelli virtuali prodotti con altri software.

A cosa serve il BIM

Il BIM, quindi, è un sistema che prevede l’unione di diverse professionalità, un lavoro che fronte comune per assicurare la piena riuscita della costruzione di un edificio sotto molteplici punti di vista. La chiave dell’efficienza della progettazione in BIM è la facilità con cui possono interagire progettisti e altre figure. Le competenze di ognuno possono contribuire a migliorare e affinare i dettagli, tramite un processo virtuoso che porta tutte le parti ad arricchirsi e ottimizzarsi in modo estremamente funzionale e positivo.

La parola l’ordine è proprio multidisciplinarietà. Proprio per questo viene usato non soltanto per la costruzione ma anche per il facility management, dove si mostra particolarmente utile per la gestione, la pianificazione e gli aspetti di controllo e manutenzione.

All’interno del settore costruzioni il BIM permette una gestione capace di ridurre gli errori, una maggiore condivisione e un processo di controllo più uniforme e capillare. Tutti vantaggi che continuano ad alimentarne la fama.

Chi usa il BIM

Il fatto di poter avere all’interno del progetto BIM tutti i dati riguardanti la progettazione di un edificio, ma proprio tutti, fa sì che questo tipo di progetto sia utile e necessario a molti professionisti diversi, che subentrano per la propria specificità.

Questa metodologia rappresenta digitalmente l’opera e consente una forte interoperabilità e condivisione dell’intero ciclo di vita della costruzione con tutti i relativi dati, ad esempio:

  • Dati meccanici
  • Dati elettrici
  • Dati finanziari
  • Dati legali
  • Specifiche di materiali
  • Valutazione energetica ed ambientale

Nel settore costruzioni il BIM può essere utilizzato da tutti coloro che fanno parte, con titolo, del processo produttivo, ad esempio:

  • Laureati in architettura
  • Laureati in ingegneria
  • Geometri
  • Imprenditori e costruttori
  • Committenti del progetto

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali