informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quanto tempo ci vuole per preparare l’esame di analisi?

Commenti disabilitati su Quanto tempo ci vuole per preparare l’esame di analisi? Studiare a Genova

Una delle maggiori preoccupazioni degli studenti di diversi corsi di laurea è quanto ci vuole per preparare l’esame di analisi. Si tratta di un esame chiave di molti percorsi universitari in materie tecnico-scientifiche, soprattutto per le facoltà di Ingegneria, Informatica, Scienze Naturali ed anche Economia. La materia insegna le basi fondamentali del calcolo e concetti importanti per la formulazione di modelli matematici. Non è un esame semplice, ma a volte viene etichettato come “impossibile” prima ancora di averlo compreso bene e di aver valutato oggettivamente il programma d’esame. Vediamo in quanto tempo preparare l’esame per raggiungere un buon risultato.

In quanto tempo si studia analisi

Indubbiamente l’esame di Analisi merita tempo, un tempo sufficiente per assorbire i concetti e i principi, comprenderli senza ripeterli a pappagallo e saperli esporre. I concetti ruotano intorno alla scomposizione infinita di un oggetto denso e riguardano l’infinito, il limite e altri che sono funzionali all’applicazione della matematica.

L’esame di Analisi di solito si incontra durante il primo anno del percorso universitario e viene suddiviso regolarmente in due prove: scritta e orale. Per questo è importante conoscere approfonditamente i concetti, non solo dovrai esporli ma dovrai dimostrare anche di essere in grado di applicarli. Il timore che incute agli studenti è giustificato, ma non tanto perché si tratta di un esame insormontabile, piuttosto perché si tratta di una materia fondante le materie e le discipline che seguono. Senza l’esame di Analisi non si può andare oltre nel piano di studi.

Dunque mettiamoci all’opera e vediamo quanto tempo ci vuole per preparare esame di analisi consapevoli che si tratta di un esame impegnativo ma per il quale possiamo impostare lo studio in modo ottimale e funzionale ad ottenere il voto che desideriamo.

Preparare Analisi: quanto tempo ci vuole?

Per preparare analisi è fondamentale fin da subito seguire attentamente le lezioni. Per cui alla domanda che dà il titolo al paragrafo possiamo rispondere che ci vuole il tempo che corrisponde alla durata del corso. Se il consiglio di seguire le lezioni per preparare gli esami universitari è valido sempre in questo caso è valido ancora di più.

Analisi matematica può essere affrontata più facilmente se si ascolta il docente e si prendono appunti. La frequenza è un supporto notevole per affrontare il lavoro che ti aspetta a casa. Gli appunti sono una mappa per orientarsi sugli aspetti ritenuti più rilevanti da chi dovrà valutarti in sede di esame, tienine conto. Però è importante che gli appunti vengano presi bene, dunque prendi seriamente il momento della lezione, ascolta e cerca di fare davvero attenzione. Chiedere gli appunti ai colleghi a fine lezione non è la stessa cosa che studiare da quelli presi di tuo pugno. Ognuno ha il proprio metodo per prendere appunti e potresti ritrovarti a dover tradurre o interpretare quelli presi da altri, aumentando lo sforzo e l’impegno in modo del tutto controproducente.

Mentre segui le lezioni e prendi appunti non puoi trascurare neanche lo studio dei manuali. Sì, forse sembra di dover fare tanto, ma ne vale la pena. Perché il tempo che ci vuole per studiare Analisi non è mai speso male, anzi, costituisce l’impalcatura del tuo percorso accademico e una pone una buona base per l’edificio delle tue competenze future.

Nozioni e principi fondamentali presenti sui libri sembreranno estremamente più semplici se affrontati quando sei già immerso nel linguaggio disciplinare, impiegherai la metà del tempo che impiegheresti a riprendere i libri mesi dopo le lezioni e a riagganciarti a quegli argomenti dopo averli lasciati alle spalle. Probabilmente questo significa che per preparare Analisi potresti impiegare anche quattro cinque mesi, ma non è così. In realtà se seggi queste indicazioni anche in due settimane prima dell’esame ti sarà facilissimo rivedere tutto e presentarti all’appello preparatissimo e pronto a conquistare il voto più alto del podio.

Teoria e pratica dell’esame di Analisi

Il tempo necessario per preparare questo esame è dovuto anche al fatto che non si tratta esclusivamente di un esame pratico, anzi, in questo esame anche la teoria gioca un ruolo cruciale.

Anche se Analisi è una materia fortemente applicativa la sua natura e la sua ragion d’essere nasce nell’aspetto teorico, ovvero la griglia interpretativa che permette di comprenderne il funzionamento fino in fondo.

Anche in quei casi in cui è previsto unicamente l’esame scritto, prima di lanciarsi nello svolgimento di esercizi come calcolo dei limiti, studi di funzione conoscere le teorie, o meglio i teoremi, ti aiuterà nelle esercitazioni grazie a una comprensione approfondita, costruita su solide basi.

Per maturare questo bagaglio di conoscenze è utile studiare per l’esame di Analisi su libri diversi, perché a volte alcuni libri non spiegano i concetti nel modo migliore, oppure ne spiegano alcuni brillantemente e ad altri dedicano spiegazioni superficiali.
Confrontare diverse fonti ti permette di avere maggiori possibilità di inquadrare gli argomenti. Per sapere quali sono i manuali di Analisi Matematica migliori da studiare puoi rivolgerti al professore, che sarà felice di illustrarti una bibliografia di riferimento grazie alla quale affinare la tua preparazione.

Allora quanto ci vuole a preparare l’esame di analisi? Come ti abbiamo detto, se segui questi consigli probabilmente due settimane saranno sufficienti. In caso contrario, be’, aspettati di passare almeno un mese e mezzo a cercare di riacchiappare i concetti per metterli in fila.

Credits foto in evidenza: Depositphotos.com – AndreyPopov

Credits foto 1: Depositphotos.com – Rawpixel

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali