informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è e a cosa serve il bilancio di esercizio?

Commenti disabilitati su Cos’è e a cosa serve il bilancio di esercizio? Studiare a Genova

Il bilancio di esercizio è un documento obbligatorio per alcuni soggetti, che devono redigerlo e inviarlo alla Camera di commercio. La sua funzione è fondamentale per l’economia moderna. Il bilancio consente di valutare la situazione economica e finanziaria di un’azienda e la sua capacità di investimento e di occupazione, aspetti di vitale importanza per comprendere lo stato di salute degli affari di un’azienda. Nei prossimi paragrafi entriamo più nel dettaglio, illustrando i suoi elementi distintivi e le sue funzionalità.

Cos’è il bilancio di esercizio

documenti bilancio di esercizioIl bilancio di esercizio è un documento ufficialmente riconosciuto e controllato, disciplinato dagli articoli 2423 e seguenti del codice civile. In realtà anche a livello comunitario vi è una normativa in materia, che si accorda alla normativa tecnica nazionale e internazionale specifica del settore, ad esempio ai principi contabili dell’Organismo Italiano di Contabilità e dall’International Accounting Standard-IAS.

La definizione di bilancio di esercizio si può rintracciare anche nei dizionari on line, ma fa fede quella contenuta nell’articolo 2423 comma 1 del codice civile, che dice:

“Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito dallo stato patrimoniale, dal conto economico, dal rendiconto finanziario e dalla nota integrativa”

Questa prima definizione indica precisamente gli incaricati della redazione del bilancio, ovvero gli amministratori, coloro che rappresentano legalmente la società e se ne assumono la responsabilità dal punto di vista amministrativo, fiscale e contabile.

Ecco, nel dettaglio quali sono i soggetti che sono obbligati a depositare in Camera di Commercio il bilancio di esercizio:

  • Società a responsabilità limitata
  • Società per azioni
  • Società in accomandita per azioni
  • Società cooperativa
  • Società estere con sede in Italia
  • Geie
  • Consorzi con qualifica di confidi
  • I consorzi che non hanno la qualifica di confidi sono tenuti a depositare unicamente la situazione patrimoniale
  • Contratti di Rete di Imprese
  • Aziende speciali e Istituzioni di Enti Locali
  • Startup innovative

Documenti del bilancio di esercizio

Dicendo che il bilancio di esercizio è un documento non vogliamo essere fraintesi. Sembra abbastanza scontato pensare che non si tratti esclusivamente di un solo documento, ma di un insieme di documenti che ne compongono uno totale ed esaustivo. Per la precisione sono cinque i documenti di cui si compone:

  • lo Stato Patrimoniale
  • il Conto Economico
  • il rendiconto finanziario
  • la Nota Integrativa
  • la relazione sulla gestione

Vediamoli meglio. Lo schema patrimoniale consente di verificare la situazione patrimoniale dell’azienda. Lo schema è strutturato tramite sezioni contrapposte che indicano lo stato attivo, ovvero gli elementi patrimoniali e finanziari che consentono di svolgere l’attività aziendale, e lo stato passivo, che indica le fonti di capitale proprio e di terzi grazie al quale l’azienda può investire acquisendo beni strumentali funzionali all’attività aziendale.

Il conto economico è invece suddiviso in due sezioni, ricavi e costi dell’esercizio, e ha uno schema scalare. Queste voci possono avere una differenza positiva, nel caso di utile di esercizio, oppure negativa, nel caso di perdita di esercizio.

Il terzo punto è rappresentato dal rendiconto finanziario. Anche in questo caso, come precedentemente per la definizione di bilancio di esercizio, preferiamo citare direttamente l’articolo 2425-ter del codice civile, nel quale viene chiaramente illustrata la funzione di questo documento:

“Dal rendiconto finanziario risultano, per l’esercizio a cui è riferito il bilancio e per quello precedente, l’ammontare e la composizione delle disponibilità liquide, all’inizio e alla fine dell’esercizio, ed i flussi finanziari dell’esercizio derivanti dall’attività operativa, da quella di investimento, da quella di finanziamento, ivi comprese, con autonoma indicazione, le operazioni con i soci”.

Il quarto punto, ovvero il quarto documento è la nota integrativa, che permette di spiegare dettagliatamente e meno schematicamente i numeri dei documenti precedenti, ad esempio dello Stato Patrimoniale o del Conto Economico. Avendo un tono più discorsivo, la nota approfondisce la composizione e le eventuali variazioni delle voci dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico, che altrimenti risulterebbero soltanto dei semplici dati numerici.

Il quinto punto è la relazione sulla gestione, e anche in questo caso non prevede uno schema ma una riflessione più ampia sulle modalità di gestione dal punto di vista finanziario e amministrativo.

I documenti di cui abbiamo parlato finora non sono obbligatori per tutte le imprese, ad esempio, nota integrativa e rendiconto finanziario non sono obbligatori per le micro-imprese.

Quali sono le microimprese? Rientrano in questa categoria, secondo il codice civile, le imprese che nel primo esercizio o per due esercizi consecutivi non superino due dei seguenti tre limiti

  • totale attivo dello stato patrimoniale non superiore a 175.000 euro
  • ammontare dei ricavi inferiore a 350.000 euro
  • dipendenti occupati in media durante l’esercizio inferiore alle 5 unità

Gli studenti di Genova in Economia sono preparati alla lettura e alla redazione di questi documenti, ma non è una materia che tutti masticano ogni giorno. Per coloro che non ne sanno più di tanto speriamo che questo articolo abbia illuminato qualche angolo oscuro. Esistono professionisti e consulenti incaricati in modo esclusivo della redazione del bilancio di esercizio, per questo è importante poter contare su persone qualificate e capaci di maneggiare la disciplina.

Credits foto in evidenza e foto 1: Depositphotos.com – utah778

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali