informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Tutto quello che devi sapere sulla sicurezza alimentare

Oggi la maggior parte di noi – giustamente – si preoccupa di sapere quanto un cibo sia sano. Forse però sarebbe più giusto ampliare il discorso e parlare di sicurezza alimentare. Infatti, quando si parla di cibo, salute e sicurezza sono strettamente collegate. Vuoi conoscere tutto ciò che c’è da sapere? Leggi questo articolo dello Staff di Unicusano Genova. Scoprirai aspetti che probabilmente non conosci e magari, un volta completata la lettura, avrai voglia di approfondire ancora di più il tema!

Cos’è la sicurezza alimentare?

Quello della sicurezza alimentare è un tema decisamente ampio. Per dare una definizione potremmo dire che si tratta di tutte quelle pratiche volte a garantire alla persona – in modo costante e vario – cibo e acqua in condizioni igieniche opportune.

Come vedi dunque stiamo parlando di qualcosa che vive contemporaneamente su due piani connessi tra loro: il piano etico e quello materiale. Etico perché stiamo parlando del principio che sancisce che nel mondo tutti devono avere la sicurezza di poter accedere sempre ad un’alimentazione sufficiente e nutriente. Materiale perché il cibo e l’acqua devono sottostare a determinate regole affinché non rechino danni alla salute del singolo.

Continue Reading

Commenti disabilitati su Tutto quello che devi sapere sulla sicurezza alimentare Studiare a Genova

Leggi tutto

Come diventare avvocato europeo: studi e possibilità

L’Unione Europea è un’istituzione che di fatto ha ampliato di molto le possibilità dei cittadini dei paesi che ne fanno parte. La prima su tutte che ti verrà in mente è la libera circolazione. Ma, soprattutto dal punto di vista professionale, questo principio porta con sé opportunità che fino a qualche anno fa non erano possibili e che tuttora forse la maggior parte delle persone neanche conoscono. Con la direttiva dell’Unione Europea 2006/123/CE sono stati eliminati anche tutti gli ostacoli alla libera circolazione dei servizi, per fare in modo che ci fosse la più totale eguaglianza tra le nazionalità di chi li presta. È così anche per la professione di avvocato, ma viste le particolari caratteristiche di questo lavoro, c’è tutto un iter particolare da seguire. Vuoi scoprire come diventare avvocato europeo? Dedica qualche minuto alla lettura di questa guida, preparata appositamente dallo Staff di Unicusano Genova.

Chi è e cosa fa l’avvocato europeo

Partiamo da un presupposto: l’avvocato europeo non è un avvocato “particolare”. Come detto, fino a qualche anno fa non esisteva una dimensione internazionale per quanto riguarda il mercato del lavoro. Soprattutto per professioni che offrivano servizi strettamente collegati a dinamiche particolari come può essere quella dell’avvocato. Ad ogni modo, anche in casi come questo “la legge è uguale per tutti“. Perciò, i giudici europei hanno decretato la possibilità per i neo avvocati di scegliere il paese dove ottenere il titolo professionale.

Continue Reading

Commenti disabilitati su Come diventare avvocato europeo: studi e possibilità Studiare a Genova

Leggi tutto

I 7 libri su Genova da leggere assolutamente

Che tu sia genovese o abbia la curiosità di sapere qualcosa in più sulla città, leggere uno dei libri su Genova che ti consigliamo potrà farti scoprire punti di vista diversi e magari inaspettati. Preparati ad immergerti nella lettura e ad imparare qualcosa in più su Zena.

La storia della città

Prima di portarti a scoprire quali sono i 7 libri su Genova da leggere assolutamente, vogliamo parlarti della città. Che tu la conosca già o meno, è importante farti sapere qualcosa in più della sua storia per capire meglio i fatti e le ambientazioni di cui andrai a leggere. Zena, come la chiamano i liguri, è affacciata sul mare e ovviamente tutta la sua storia è fortemente connessa a questo legame. Chiamata anche “La superba” e “La dominante”, per ben otto secoli è stata capitale dell’omonima repubblica. Ormai da secoli la marineria ed il commercio l’hanno resa uno dei centri nevralgici dell’economia della penisola italiana. Oggi il suo porto è il più esteso d’Italia ed il simbolo fisico della città è proprio il faro, conosciuto come “La lanterna”.

Ha dato i natali a Cristoforo Colombo, Goffredo Mameli (è qui che è stato composto l’inno d’Italia) e Niccolò Paganini. La sua quindi non è solamente una storia legata ai commerci e all’industria, ma anche ricca di cultura.

Continue Reading

Commenti disabilitati su I 7 libri su Genova da leggere assolutamente Studiare a Genova

Leggi tutto

Studiare online a Genova: i percorsi per la tua formazione

Iscriversi all’università telematica è una scelta che ultimamente stanno facendo sempre più giovani neo-diplomati. Ma anche adulti che vogliono ampliare il proprio curriculum formativo. Ora che è possibile studiare online a Genova magari anche tu inizia a farci un pensiero? Scopri quali sono i percorsi per la tua formazione con l’Università Niccolò Cusano ed inizia un nuovo capitolo della tua vita.

Prima però hai bisogno di saperne qualcosa di più su questo approccio allo studio? Lo Staff di Unicusano Genova è qui per questo!

Studiare online: perché conviene

Immaginati con il tuo pc o il tuo tablet, ovunque tu sia, in qualunque momento, a seguire le lezioni della facoltà che più ti piace. Per come tutti immaginiamo o conosciamo l’università, può sembrare il futuro. Eppure ti stiamo parlando di qualcosa che è decisamente presente! Studiare online è una scelta che dovresti prendere subito in considerazione perché praticamente ha solo aspetti positivi.

L’e-learning è il metodo di studio adottato anche dall’Università Niccolò Cusano. Potrai seguire le lezioni online in qualunque momento della giornata e prepararti con i tuoi tempi. L’ideale se vuoi accompagnare studio e lavoro. Ti servono altri validi motivi per iscriverti?

Continue Reading

Commenti disabilitati su Studiare online a Genova: i percorsi per la tua formazione Studiare a Genova

Leggi tutto

Come entrare in polizia: il percorso da fare

Scopri come entrare in polizia. Un percorso ambito da moltissimi giovani. Ci sono concorsi e selezioni da superare, ma non abbatterti, sicuramente puoi lavorare per avere i requisiti richiesti. Ti aiutiamo a comprendere quali sono e come far parte di un corpo di Stato tra i più amati dagli italiani.

Come fare il poliziotto

concorso per entrare in poliziaDa piccolo guardavi agli uomini e alle donne in divisa in preda allo stupore e al fascino. Dentro di te ti dicevi che un giorno avresti indossato anche tu quella divisa. Entrare nell’arma è il tuo sogno da sempre, ma adesso deve diventare realtà. Questo articolo vuole darti indicazioni utili per focalizzare precisamente quali sono i passi da fare per entrare nel corpo di Polizia. Diventerai poliziotto, finalmente.

Il primo grande scoglio da affrontare è il concorso. Chi supera il concorso da poliziotto deve frequentare un corso. Si segue più o meno lo stesso iter che si segue per entrare nell’arma e in altri corpi di Stato. Vale lo stesso anche per entrare nei gruppi sportivi della Polizia di Stato. Il concorso è il canale privilegiato, pressoché l’unico.

Per partecipare al concorso per entrare in polizia si deve inviare un’iscrizione, che dà diritto a far parte delle selezioni. Tali selezioni si svolgono generalmente in una tranche di tempo che va da luglio a settembre. Le iscrizioni possono giungere da civili o volontari VFP1, ossia i volontari in ferma prefissata di 1 anno, che accedono alle forze armate in modo volontario, in uno di questi corpi:

  • Esercito italiano
  • Marina militare
  • Aereonautica militare

Per diventare poliziotti non è necessario possedere il diploma, anche se recentemente si vocifera un riordino delle carriere, che da tanto tempo viene rinviato. Ma approfondiamo insieme quali sono i passaggi da effettuare per entrare nella polizia di stato, quali requisiti e prove attendono il futuro poliziotto.

Entrare nell’arma: cosa si fa?

Se vuoi diventare poliziotto conosci più o meno il mondo che si muove dietro il corpo di polizia, quali attività svolge e di cosa si occupa. Ma vediamolo insieme. Il ruolo di questo corpo delle Forze Armate è quello di preservare e mantenere l’ordine pubblico e il livello di sicurezza. Questo compito viene suddiviso da diversi settori della polizia, come:

  • Polizia marittima
  • Polizia stradale
  • Polizia ferroviaria
  • NOCS
  • Reparto mobile

Per entrare in uno di questi bisogna rispettare le regole di reclutamento. Come abbiamo già sottolineato precedentemente le norme vigenti potrebbero cambiare da un momento all’altro. Il governo in carica ha già dato comunicazione rispetto alla decisione di voler intervenire sul riordino delle carriere e di conseguenza sul reclutamento. Per entrare a far parte della polizia innanzitutto bisogna partecipare al fatidico concorso, che viene pubblicato regolarmente sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, come vuole la giurisprudenza.

I civili che possiedono determinati requisiti possono ambire a diventare direttamente commissari o ispettori, con un concorso appositamente indetto per queste figure.

Requisiti per diventare poliziotto

Negli anni precedenti era possibile partecipare al concorso solo ai volontari in forma prefissata per un anno. Solo loro potevano intraprendere una carriera nelle forze armate. Attualmente questo requisiti sono decaduti e anche i civili possono avere accesso.

Questa novità è stata introdotto già dal 2014. Da quel momento i requisiti per diventare poliziotti sono diventati ancora meno stringenti. Ecco quali sono:

  • Cittadinanza italiana
  • Godimento dei diritti politici
  • Maggiore età, non aver superato trent’anni
  • Idoneità attitudinale, culturale, psichica e fisica al servizio di polizia
  • Titolo di studio di scuola media
  • Assenza di condanne

Cambiano leggermente i requisiti per diventare ispettori, una carica superiore e più importante. A cui si aggiungono:

  • Diploma di istruzione secondaria superiore
  • Età non superiore ai 32 anni

Per diventare commissari i requisiti sono i medesimi, ma si aggiunge il possesso di una laurea magistrale in una rosa di facoltà ritenute affini allo svolgimento del ruolo all’interno della polizia, come giurisprudenza, economia, scienze politiche.

Fino a qualche anno sussistevano anche dei requisiti di altezza, se non si avvicinavano agli standard richiesti non si poteva far parte dell’arma. Anche questa limitazione è ormai decaduta, grazie ad un intervento del Consiglio dei Ministri che ha ritenuto che tale preclusione non fosse più necessaria.

Le prove del concorso per poliziotti

Abbiamo già fatto emergere le differenze tra diventare ispettori, commissari o semplici agenti. Si tratta di ruoli diversi, per cui sono richiesti requisiti e anche prove diverse. I candidati a un concorso per diventare agenti di polizia dovranno rispondere ad un questionario, che verte su questi temi:

  • Domande di cultura generale
  • Domande di lingua straniera
  • Domande di informatica

Per ottenere l’ammissione è sufficiente una valutazione non inferiore a 6/10. Con il superamento di questa valutazione si ottiene il passaggio alla fase successiva: l’accertamento dei requisiti attitudinali, chi ottiene un buon punteggio viene nomato allievo agente di Polizia di Stato.

Dopo il concorso non si diventa direttamente poliziotti. Prima si deve frequentare e superare il corso di formazione, della durata di sei mesi. Oltre i quali sono previsti altri sei mesi come Agenti in Prova. Trascorso un anno è prevista la nomina ad agente effettivo di polizia e l’assegnazione ad un reparto.

Commenti disabilitati su Come entrare in polizia: il percorso da fare Studiare a Genova

Leggi tutto

Cos’è il controllo delle emozioni e come metterlo in pratica

Il controllo delle emozioni è un obiettivo ambizioso. La psicologia le studia da sempre, noi individui dobbiamo farci i conti tutti i giorni, ma loro a volte sfuggono alla nostra gestione. Come nel film Inside Out le emozioni sono vive, ma se impariamo a conoscerle possono tutte diventare nostre amiche e alleate.

Il controllo delle emozioni

gestione dello stress emotivoA volte hai paura, a volte provi rabbia, altre ancora una gioia sconfinata. Si susseguono, rapide, impetuose e in alcuni casi esplosive. Le tue emozioni sono una componente molto importante della tua persona. Non cadere nell’errore di volerle eliminare, non è possibile. Non solo, rischia di essere distruttivo.

Quando parliamo di controllo emotivo non intendiamo la repressione o l’eliminazione di determinati stati d’animo, quasi tutti funzionali. Piuttosto siamo convinti che si debba imparare a riconoscerle, anche nel loro potenziale. Proprio come nel film della Pixar di cui abbiamo parlato prima (attenzione, stiamo per spoilerare), quando Gioia si rende conto che alcuni momenti importanti della vita della bambina sono stati generati da Tristezza.

Considera le tue emozioni, impara prima di tutto a guardarle. Il processo di osservazione, accettazione e comprensione spesso coincide, in ultima istanza, con una trasformazione, un momento cruciale in cui l’elaborazione crea nuova consapevolezza e di conseguenza crescita.

Un percorso interessante, che allevia lo stress emotivo. Nei prossimi paragrafi ti forniamo indicazioni utili su come innescare questo virtuoso processo.

Controllo emotivo: l’osservazione

Non è un caso che le emozioni spesso siano metaforicamente associate alle onde. Vuoi controllare le emozioni perché sia che possono travolgerti. A volte lo fanno. Le prime volte ti provocano una sensazione fortissima, ma puoi imparare a governarla. A volte puoi addirittura prevederle.

Una delle prime cose che puoi fare per controllare lo stress emotivo è ascoltarti. Entrare in contatto con il tuo corpo e ascoltare quali segnali invia nel momento in cui sopraggiunge quell’emozione. Il corpo è un grandissimo alleato in questi casi. Riportare l’attenzione alla parte fisica di te significa poterti ancorare, staccandoti dalla parte mentale che ti opprime e lasciando spazio a qualcosa su cui, con attenzione, puoi esercitare la tua volontà.

Per esempio, è molto utile controllare il respiro. La respirazione offre una valvola di sfogo e di rilassamento immediato. Inspira con il naso ed espira sempre con il naso, lentamente, concentrandoti sul movimento dell’addome, soprattutto quando entri in contatto con emozioni negative come ansia, preoccupazione, paura.

Quando avrai preso confidenza con questa tecnica ti sembrerà più facile la gestione delle emozioni. Potresti addirittura avere la capacità di entrare talmente tanto consapevolmente nelle tue emozioni da poter esaminare il tuo corpo come un medico. Ti accorgerai che il tuo viso formicola quando ti senti in imbarazzo, che le mani sudano quando sei ansioso. Questa consapevolezza non sempre elimina il problema. Ma è un percorso che ti porta a catturare informazioni sensoriali e a districarle, senza che sopraggiungano tutte insieme. Concentrati su una cosa per volta. Respira, radica i piedi a terra, tieni la schiena dritta. Il cervello impara ad elaborare queste informazioni focalizzando l’attenzione.

Tecniche di gestione dello stress emotivo

È molto utile avere a disposizione conoscenze sull’uso di strumenti per la gestione delle emozioni. Parliamo di strumenti cognitivi, di abilità che si possono allenare e migliorare. Vogliamo suggerirtene due, che se applicate con costanza e determinazione possono contribuire a rendere la tua vita emotiva più serena ed equilibrata. Ecco quali sono:

  • Rilassamento muscolare progressivo
  • Tecniche di visualizzazione

Ti invitiamo a sperimentarle entrambe, possono essere utilizzate in contesti diversi e per diversi casi.

Il rilassamento muscolare progressivo funziona tramite un meccanismo molto interessante. Puoi contrarre e rilassare i muscoli. La contrazione e il rilassamento alleviano la tensione, ma soprattutto sono dei rilevatori di tensione nel corpo. Individuerai quali parti del tuo corpo sono maggiormente tese e vittime della situazione stressante che stai vivendo.

Come funziona?

  • Prendi qualche minuto di tempo
  • Siediti comodo e respira profondamente
  • Inizia dal basso verso l’alto
  • Contrai o piega le dita dei piedi per cinque secondi
  • Rilassati per quindici secondi
  • Contrai tutti i gruppi muscolari dall’alto verso il basso

In questo caso proseguirai con piedi, cosce, fianchi, glutei, pancia e via discorrendo. Lascia andare la tua consapevolezza corporea, libera di intercettare le parti che hanno bisogno della tua attenzione in questo momento di stress.

Le tecniche di visualizzazione sono ancora più versatili. Puoi rilassarti tantissimo in qualsiasi momento, e imparare a farlo in modo sempre più rapido. Il segreto non è capire come eliminare le emozioni ma come gestirle in moto ottimale. Per procedere con questa tecnica devi:

  • Scegliere un luogo tranquillo
  • Immaginare di trovarti in questo luogo, in tutti i suoi dettagli
  • Respirare in modo lungo, lento e profondo
  • Se percepisci emozioni negative tramutale in oggetti da rimuovere dal luogo

Questa tecnica ricorda molto quella del focusing, in cui si cerca di dare immagini chiare e definite alle fonti di stress. O meglio, si cerca di gestire l’emotività anche tramite la simbolizzazione, lasciando emergere parole, frasi e immagini che descrivano nel modo più accurato e preciso possibile il dato emotivo.

Gestire le emozioni non è semplicissimo, ma è un percorso di autoconoscenza bellissimo e denso di insegnamenti, utili per vivere una vita piena e serena. Ci auguriamo di aver contribuito al tuo benessere emotivo con questo articolo.

Commenti disabilitati su Cos’è il controllo delle emozioni e come metterlo in pratica Studiare a Genova

Leggi tutto

Come scegliere la corona d’alloro per la laurea (+ 3 idee regalo)

La corona d’alloro per la laurea è una tradizione ormai consolidata e apprezzata da tutti. Davvero non conosciamo neanche uno studente delle nostre facoltà che si sia sottratto all’incoronazione. Impossibile. È un gesto e un rituale così tanto amato e antico che non se ne può fare a meno. Scopriamo insieme come stupire con gli effetti speciali il futuro laureato.

Corona d’alloro per la laurea: perché?

corona di laureaIl motivo è storico e antropologico. La corona d’alloro ha origini molto antiche, come simbolo di intelligenza, vittoria, conquista, ma anche di poesia e arte. L’alloro viene anche conosciuto con il nome di lauro, termine che già ci dovrebbe far pensare alla parola laureato.

Anticamente l’alloro era una pianta sacra, collegata al Dio Apollo, custode del sole, ma anche protettore delle arti, comprese musica e poesia. Tutti i romani veneravano Apollo e le vittorie quotidiane e storiche erano consacrate dalla sua presenza. Il dio Apollo era raffigurato con il capo ornato di alloro, in segno di regalità.

La corona di alloro veniva quindi utilizzata come ornamento per dare onorificenza ai protagonisti della vita culturale e ai personaggi più famosi e rispettati. Le persone considerate particolarmente dotate di saggezza e intelligenza la indossavano, soprattutto durante le celebrazioni religiose.

Ovviamente non stiamo parlando di una funzione religiosa, ma la discussione della tesi resta un bel rituale e un bel momento di festa, anche collettiva. Sicuramente un momento in cui è doveroso dare merito al festeggiato degli sforzi compiuti e valorizzare con lui il risultato raggiunto.

Corona e fiori per la laurea

C’è chi anche dietro la tradizione della corona di laurea vuole vedere un’occasione di consumismo e di business, da parte dalla spietata lobby dei fiorai. Ci sembra assurdo, non serve aver studiato economia per capire che ci sarebbero probabilmente business più remunerativi. Ma in ogni caso c’è solo da gioire del fatto che pullulano fiorai in cui si possono reperire mazzi di fiori, corone d’alloro e bouquet per la laurea in grande stile.

Poi c’è anche chi vuole realizzarla a mano, e si prende la briga di setacciare le campagne vicino casa alla ricerca di alloro, che a volte cresce spontaneamente. Questi individui sono eroici, ma abbiamo qualche altro suggerimento più rapido ed efficace. Scegliere accuratamente la corona di laurea o il mazzo per il festeggiato, per tempo, consultandoti con amici e parenti per decidere in gruppo di non sommergerlo di fiori come se fosse un santo e possibilmente regalandogli dei fiori, anche intrecciati alla corona, che siano davvero di suo gradimento.

Prova a scegliere con cura il colore innanzitutto, ricordandoti che il rosso è stato scelto da tempo come colore di laurea, e il motivo è facile da intuire.
Hai presente quella famosissima immagine di Dante che indossa la tunica rossa e la corona d’alloro? La sapienza veniva onorata con il rosso, anche le bordature dei rettori delle prestigiose università americane sono rossi. Quindi sceglilo per sposare la tradizione.

Corona di laurea e fiori: i colori

La questione colore è molto importante per tutti. Non è una questione di design o di moda, non è una questione di estetica, ma di significato. I colori vogliono sempre dire qualcosa, motivo per il quale difficilmente troverai un mazzo di fiori con dettagli in nero o altri colori freddi e spenti che portano tristezza in un giorno in cui non è concesso niente che possa alterare la gioia del successo.

Le corone d’alloro sono fatte di alloro, questo lo si capisce benissimo da soli. Ma quello che vogliamo dirti è che esistono corone di laurea colorate, con nastri intrecciati e applicazioni di fiori freschi o finti del colore della facoltà del neodottore. Sì! Esistono dei colori per ogni facoltà, e te ne dovresti essere accorto. Ricorre nel sito web, nel materiale informativo, nell’immagine istituzionale coordinata. E questa è un’idea bellissima. Ecco quali sono i colori principali delle facoltà, con cui puoi realizzare la tua corona di laurea:

  • Economia: giallo
  • Scienze politiche: azzurro
  • Lettere: bianco
  • Agraria: Verde
  • Ingegneria: Nero
  • Architettura: Nero
  • Scienze della Formazione: Rosa
  • Psicologia: Grigio

Sul fatto che psicologia sia grigia abbiamo alquanto da ridire in realtà! Ma vogliamo chiudere questo articolo con 3 idee regalo portentose per stupire coloro che quest’anno si stanno per laureare.

  1. Corona con rose rosse e bacche
  2. Corona con oro e applicazioni
  3. Mazzo di girasoli e gigli

Perché queste tre proposte? La prima è la più elegante, perfetta per studentesse di economia e psicologia. Le rose sicuramente rendono la corona molto femminile, ideale per chi vuole portare uno stile più elegante. La corona con oro e applicazioni va benissimo anche per gli uomini, anzi, farà fare un figurone a tutti gli studenti di ingegneria e di giurisprudenza. Mentre il mazzo con i girasoli e gigli è leggermente più informale e piace molto agli studenti senza troppe pretese di raffinatezza, che vestono causal e non vogliono catturare troppo l’attenzione.

Idee regalo per la laurea e corone d’alloro. Simboli di grandi conquiste, del momento in cui si entra nella vita come dottori.

Commenti disabilitati su Come scegliere la corona d’alloro per la laurea (+ 3 idee regalo) Studiare a Genova

Leggi tutto

Cosa fare a Genova e dintorni: idee e spunti utili

Non chiederti cosa fare a Genova. Vivila, esplorala e amala. La città ligure offre una bellezza misteriosa al visitatore, ma anche a coloro che da sempre la abitano. Difficilmente ci si abitua ai tramonti sul mare, all’odore della cucina tipica, e alla vivacità di un luogo storicamente legato a naviganti, commerci e scambi.

Visitare Genova e conoscerne la storia

acquario di genovaSono moltissime le cose da vedere a Genova. Apri gli occhi alla storia, all’architettura e a tutto quello che riserva la maggiore città della Liguria. Genova è da sempre stata una località storicamente importante e la sua storia continua ad animare le sue strade e i palazzi. Personaggi importanti le hanno dato lustro, dal punto di vista storico e artistico. Solo per citarne alcuni: Colombo, Mameli e Mazzini. Ma se ami anche la musica non puoi dimenticare il più grande cantautore in assoluto: De Andrè.

Anche dal punto di vista internazionale le attrazioni di Genova hanno ricevuto riconoscimenti e apprezzamenti. Nel 2004 è stata scelta come Capitale della cultura europea e nel 2006 i palazzi che un tempo erano la dimora dei nobili della Repubblica Marinara sono entrati a far parte del Patrimonio dell’Unesco. Già questo ci consente di dire senza ombra di dubbio che visitare Genova è davvero un’esperienza unica. In questo articolo vogliamo segnalarti le location più belle per non perdere neanche una sfumatura di questa magica destinazione. Abbiamo stilato una lista:

  • Carrugi
  • Rolli
  • Corso Italia e Boccadasse
  • Lanterna
  • Ascensore del Castelletto
  • Acquario di Genova

Adesso ci addentriamo nei particolari, ogni dettaglio di questi luoghi ha un pezzo di storia e di meraviglia da raccontare. Le tue passeggiate a Genova saranno un’occasione di stupore. Vieni con noi.

I carrugi di Genova: storia e cultura

Conoscere Genova significa camminare. Dare energia alle gambe e aprire la mente al fermento che pullula per le sue stradine storiche. La città vecchia, che rappresenta il centro storico di Genova, è caratterizzata dai “carrugi”, come si chiamano in dialetto. Chi non conosce la città potrebbe confonderli con le “creuze” (ti ricordi “Creuza de ma” di De Andrè?), che invece sono le discese lastricate che accompagnano verso il mare. Da dove nasce questa particolarità di Genova, questo intrico di viuzze? Dalla necessità di difendersi dalle incursioni dei pirati che venivano dal mare. Successivamente divennero il centro pulsante del commercio e dell’economia. Le botteghe che si trovavano su queste strade erano così importanti che diedero il nome a molte di queste vie.

Forse è uno dei posti più turistici di Genova, ma ciò non significa che ha perso il fascino di un tempo, anzi, ci sono bar storici, negozi di prodotti tipici genovesi e locali importanti per i genovesi e i visitatori

I Rolli: il centro storico di Genova

Visitare Genova vuol dire conoscere i suoi palazzi storici. Il centro storico della più frequentata località ligure non teme confronti. Le sue dimensioni sono di poco inferiori a quelle del centro storico di Venezia, con la quale condivide l’animo marittimo. Erano ugualmente importanti, come crocevia di scambi e luoghi storici di rilevanza per l’evoluzione del Paese.

Cosa sono i rolli? I palazzi dei nobili, in cui risiedevano un tempo le autorità che venivano a fare visita in città dai paesi stranieri. Dove si trovano:

  • Via Garibaldi
  • Via Balbi
  • Via Cairoli

Lungo queste direttrici si possono ammirare queste residenze, che subito catturano lo sguardo. Anche l’Unesco non ha potuto resistere al loro fascino e nel 2006 ha scelto di inserire le “Strade Nuove” nel Patrimonio tutelato. Perché? Grazie alle peculiarità architettoniche e alla densità di storia che veicolano, quella della Repubblica marinara tra Cinquecento e Seicento. Cosa sono diventati adesso questi palazzi storici genovesi? Sedi di banche, del municipio e di altri enti e istituzioni. Sono visitabili grazie a delle visite guidate organizzate dal Comune di Genova.

Borgo di Boccadasse e Corso Italia

Cosa si può fare su Corso Italia? La passeggiata di Genova offre proprio tutto:

  • Bar
  • Ristoranti
  • Stabilimenti balneari
  • Palazzi signorili

Qui si respira molta aria di mare, grazie a due chilometri lungo costa che fanno da ponte tra la città e precisamente il quartiere della Foce e Boccadasse. Anche di quest’ultimo ti dobbiamo parlare se hai intenzione di trascorrere due giorni a Genova. Uno dei due dedicati a questa località, caratterizzata da un’architettura mediterranea e una struttura urbanistica ancora autentica e pittoresca. Si sente l’atmosfera di un luogo di mare e di pesca, e i profumi della cucina tipica genovese.

La Lanterna: il faro di Genova

attrazioni di genovaLa storia della città ligure passa anche per i simboli che la connotano, uno di questi è indubbiamente La Lanterna, un vero e proprio monumento alle millenarie vicissitudini di questa città di mare. La data ufficiale non è accertata, ma si ritiene che sia originaria del 1128, anticamente veniva utilizzata per ardere erbe della macchia mediterranea, come ginestra ed erica, segnalando la presenza del porto alle navi che venivano verso la città.

Ovviamente la posizione e la sua conformazione consentivano anche di utilizzarla per gli avvistamenti, prevedendo per tempo gli eventuali attacchi dei pirati. La Lanterna che vediamo ora risale circa al 1543 e da allora sopravvive intatta a tutte le intemperie e le scorrerie, mantenendo alta la bandiera del più alto faro del mediterraneo ancora in attività.

Gli ascensori pubblici di Genova: Castelletto

Genova è fatta di salite, la città sembra salire e scendere continuamente, arrampicandosi sulle colline. Nei primi del Novecento questa fu la ragione che spinse le istituzioni a dotare alcuni quartieri di ascensori pubblici, aggiungendo un ulteriore servizio alla storica funicolare Zecca-Righi.

Il più famoso di tutti è quello di cui ti stiamo parlando: l’ascensore Castelletto-Levante. Funge da collegamento tra Piazza Portello e Belvedere Montaldo, da cui si gode di una vista panoramica sulla città, una vista che fa girare la testa e che domina anche l’intero centro storico.

Il Belvedere è quello che resta di una fortezza che esisteva fino al 1910, il motivo della sua eliminazione su strategico: fare in modo che in caso di occupazione straniera il nemico non avesse vantaggi. L’ascensore di Castelletto è sicuramente una delle attrazioni di Genova più visitate.

L’acquario di Genova

I bambini impazziscono, i genitori si meravigliano, l’acquario di Genova è la location perfetta per tutta la famiglia, per gli amanti del mare, ma anche per chi ci capita per caso. Difficile rimanere immuni alla bellezza di questo luogo che da vent’anni è nella lista delle cose da vedere a Genova e dintorni. Delle cose da vedere in Italia, lasciaci aggiungere. La struttura ha grande rilevanza per il turismo ligure e ogni anno attira un numero esorbitante di visitatori.

Negli ultimi anni sono stati apportati diversi cambiamenti, che hanno aggiunto servizi e fascino alla già brillante proposta. L’acquario diventa ogni anno più smart, più virtuale, attento all’interattività e alle nuove tecnologie e alla nuova ingegneria, per fornire un’esperienza sempre più immersiva ed indimenticabile.

Ovviamente non abbiamo potuto dire tutto quanto. Di cose per cui Genova può diventare la tua città del cuore ce ne sono tantissime. Se ci vivi lo sai, se non ci vivi puoi scoprirlo. E allora cosa aspetti? Oltre alle destinazioni a Genova e dintorni, per ammirare tanta bellezza che ti abbiamo descritto, ti aspetta il sapore inconfondibile della cucina ligure, un connubio di mare e terra che delizia chiunque e rende fieri i genovesi.

Commenti disabilitati su Cosa fare a Genova e dintorni: idee e spunti utili Studiare a Genova

Leggi tutto

Film classici di Natale: una top ten di cult senza tempo

I film classici di Natale sono una medicina per l’anima, anche quando siamo un po’ incupiti dalle preoccupazioni che ci assalgono a fine anno. Perché dobbiamo ammetterlo, quando arrivano le festività natalizie siamo desiderosi di lasciarci andare ai sentimenti positivi e alla gioia. Le case riscaldate dal calore del camino, le luci che illuminano le strade, i bambini entusiasti all’idea dei regali. Forse tutto appare superficiale, ma l’aria del Natale alla fine tocca tutti. Ed è meglio lasciarsi toccare in maniera positiva. Ecco qualche film per accogliere un’atmosfera serena, divertente e perfettamente natalizia.

Film da vedere a Natale: quali scegliere?

film di natale per bambiniÈ di tradizione andare al cinema a Natale, ed è sicuramente una cosa che ti consigliamo di fare durante queste feste. Hai staccato un po’ con lo studio, tutte le incombenze relative al corso di laurea le hai rimandate al prossimo anno. Anche il lavoro può aspettare. Stai ricaricando le pile per ripartire alla grande. Ottimo. Controlla la programmazione nelle sale più vicine oppure segui i nostri consigli per una visione casalinga. Le commedie tipiche di Natale e i film che rappresentano questa festività da tanti diversi punti di vista sono una scusa perfetta per stare a casa e poltrire quel poco che ti serve per allontanare la fatica degli ultimi mesi.

Allora che cosa scegliere? Dipende. Ecco le categorie che abbiamo pensato per accontentare un po’ tutti:

  • Il superclassico di Natale
  • Il film natalizio per tutta la famiglia
  • Il cult per bambini
  • Il manifesto antinatale
  • Contemporanei destinati a diventare film classici
  • Commedie divertenti
  • Fantascienza natalizia

Insomma, una selezione strampalata, per selezionare il titolo che meglio risponde alle tue esigenze. Pronto a premere Play?

La vita è meravigliosa (1946)

Ecco il super classico film di Natale. Un’opera dello straordinario regista Frank Capra, con attori di un’altra epoca, un modo per dire che la bravura è in tutti gli aspetti di questo film, dalla sceneggiatura alla regia, passando per la recitazione. Sappiamo che è importante descrivere di cosa parla, raccontare la trama del film di Natale più bello della storia americana, ma svelare anche solo un particolare sarebbe come togliere una ciliegina dalla torta. Speriamo che ti sia sufficiente sapere che è una narrazione profonda sui valori dell’autenticità, della lealtà e dell’onestà e sull’importanza di essere sé stessi e di valorizzarsi sempre. Alla fine della visione viene da dire: Io sono meraviglioso! Se vuoi una piccola dose di psicologia positiva nella tua vita e vuoi smetterla di vedere tutto nero ti consigliamo questo titolo prima della fine dell’anno.

Il canto di Natale di Topolino (1938)

Dobbiamo tornare ancora un po’ più indietro negli anni. Il film di cui abbiamo parlato prima era del ’46, con questo ci catapultiamo dentro gli anni Trenta, quando ancora l’animazione era agli esordi, essenziale e travolgente per grandi e piccini. La Disney produsse questo cortometraggio rappresentando con il protagonista Topolino una classica fiaba di Natale. Una storia che nel corso dei decenni ispirerà molti altri adattamenti cinematografici. Si tratta del Canto di Natale di Dickens, che verrà riproposto sempre da Disney in una versione musical nel 1947. Topolino veste i panni di Bob Cratchit, mentre Paperon de Paperoni è Ebenezer Scrooge. Tra i film di Natale questo rientra in due categorie: super classico e cult per bambini.

Mamma ho perso l’aereo (1990)

Dietro questo film troviamo penne illustri del cinema americano, precisamente lo sceneggiatore che ritroveremo più avanti in un’altra pellicola. In questo caso alla regia. Chris Columbus costruisce uno dei migliori classici di Natale per ragazzi, una categoria in cui non è sempre facile ottenere grandi successi. Ma indubbiamente questo resta uno dei titoli più spassosi di sempre e sicuramente di tutti gli anni Novanta. La trama è facile da scoprire, grazie al titolo eloquente. La famiglia che parte per le vacanze di Natale dimentica il piccoletto a casa, che alle prese con due maldestri ladri combinerà una serie infinita di gag capaci di intrattenere tutta la famiglia. Anche qui siamo a metà strada tra la commedia divertente di natale e il film adatto a tutti.

Edward Mani di Forbice (1990)

Non facciamo parte di quella schiera di persone che bistrattano gli anni Novanta. Nonostante Non è la Rai, i brillantini, i ciuffi molto più brutti di quelli del decennio precedente, ci siamo salvati. E abbiamo conservato intatto il ricordo di alcuni capolavori del cinema. Questo è uno di quelli. Il caro Tim Burton costruisce un film di fantascienza natalizia con un giovanissimo e talentuosissimo Johnny Depp, moderno Frankenstein romantico, che possiede forbici al posto delle mani ma un cuore capace di provare amore e dolore per la bella Winona Ryder.

Vacanze di Natale (1983)

Da questo Natale in poi il cinema italiano non sarebbe stato più lo stesso. Il 1983 diventa l’anno di nascita del cinepanettone. Il film commedia di Natale diretto da Carlo Vanzina è forse il migliore di tutti, quelli che verranno dopo scadranno rovinosamente nei più beceri clichè e nelle pessime interpretazioni e sceneggiature scontate. Ma questo è diverso, perché riesce a fare dell’ironia intelligente sulla mentalità degli anni Ottanta in Italia, cristallizandola in quanto accade durante le vacanze di Natale borghesi in montagna. Può essere davvero considerato un film classico italiano di Natale, a cui è stata dedicata addirittura una retrospettiva nel 2010 alla mostra cinematografica di Venezia.

Gremlins (1984)

Un film di genere ben riuscito, in cui si mescola il fantastico all’horror senza dimenticare una sana dose di risate. Facile sarebbe stato peccare di presunzione e realizzare un film grottesco e mal riuscito, ma dietro alla macchina da presa troviamo un regista eccezionale (anche se poco valorizzato in Italia): Joe Dante. Grazie al suo talento possiamo ammirare una pellicola citazionista senza presunzione, in cui orribili e spaventosi animaletti che sovvertono il clima festoso del Natale per seminare paura. Una paura non così banale, se si osserva attentamente la sceneggiatura, ma recondita e ben nascosta nel cuore di bambini e adulti. Una grande analisi del rapporto con l’oscurità, anche degli esseri piccoli e apparentemente innocui, vestita di un elegante abito di cinema di genere.

Parenti serpenti (1992)

Anche se spesso capita di fare affermazioni banali quando si parla di cinema italiano, vogliamo dire che secondo noi in questo caso stiamo per parlare di uno degli ultimi maestri italiani della settima arte: Monicelli. In questo film commedia il Natale è il pretesto per mostrare con amara ironia la condizione di ipocrisia in cui versava allora (gli anni Ottanta sono così lontani?) la famiglia italiana. Il regista grazie a dialoghi e scene pungenti (sostenute da attori magistrali) fa emergere la psicologia degli individui e il provincialismo borghese di allora.

Racconto di Natale (2008)

Volevamo dare spazio anche a qualche titolo fuori dai classici di Natale americani e abbiamo scelto la Francia. Film abbastanza recente rispetto agli altri proposti, anche in questo caso (come quello esposto poco fa) si tratta di un film psicologico, con una trama assai complessa, che sarebbe tranquillamente adatta ad una serie tv. Storie e sottostorie dei personaggi si incrociano e il film diventa un percorso di analisi profonda di un nucleo famigliare in cui ci possiamo ritrovare più o meno tutti. Da vedere a Natale insieme a tutta la famiglia, se si vuole riflettere su certi nodi che tutti i nuclei dovrebbero scogliere o se si vuole una visione più impegnate, oltre le solite commedie.

Polar Express (2004)

film natalizi più belliIn questa classifica dei film natalizi più belli ci siamo lentamente spostati nei decenni fino a giungere ai Duemila. Cambiano gli anni e cambia anche la tecnica cinematografica. Il regista Robert Zemeckis sceglie il 3d per mettere in scena un viaggio di Natale che sottolinea l’importanza del sogno e dei desideri. Un film futuristico, sia per il digitale che per l’avventura che racconta. Un fantastico treno viaggia verso le terre di Babbo Natale, il piccolo protagonista sceglie di salire a bordo… cosa succederà? Molta modernità soppianta i classici elementi tradizionali del Natale, spicca anche la nota da musical e non si può non apprezzare la capacità di Zemeckis (e di Hanks come attore) di far brillare ancora una volta la fantasia.

Qualcuno salvi il Natale (2018)

Film recentissimo, uscito quest’anno, ma che abbiamo scelto per diventare il futuro classico di Natale Netflix. Lo abbiamo visto qualche giorno fa e lo abbiamo trovato onesto. Certo, non è un film da considerare capolavoro assoluto, ma in compenso ha tutti gli elementi che dovrebbe avere il film di Natale: la morale, il divertimento, un tocco di originalità. Non può lasciare indifferenti il Babbo Natale in veste molto più cool di quello che ci si attende e il blues dentro la prigione alla fine travolge tutti gli spettatori. Sembra un prodotto di altri tempi, ma con una regia assolutamente moderna. Assolutamente consigliato per tutta la famiglia.

Commenti disabilitati su Film classici di Natale: una top ten di cult senza tempo Studiare a Genova

Leggi tutto

Frasi sul potere della mente: ecco le più belle da conoscere

Le frasi sul potere della mente celebrano le capacità innate del nostro cervello di spingere l’uomo sempre oltre i suoi limiti. Non bastano le discipline specialistiche, c’è qualcosa di molto più grande, misterioso e inspiegabile. Non deve chiamarsi per forza Dio, non dev’essere per forza qualcosa di trascendentale e mistico, ma sicuramente è un’energia capace di mettere insieme volontà e immaginazione per creare qualcosa di unico: la mente umana.

Frasi sul potere della mente

citazioni sulla menteLe scienze si interrogano sul funzionamento del cervello. Quante discipline esistono che si occupano di questo organo e delle sue dinamiche e funzionalità? Sapresti elencarle? Ecco, lo facciamo noi al posto tuo:

  • Neurofisiologia
  • Neuroscienze
  • Linguistica cognitiva
  • Medicina
  • Filosofia

E ancora, la regina di tutte: la psicologia. Ma la scienza non fa altro che confermare il potere straordinario del cervello. Viene in soccorso alla scienza anche la poesia, ci sono moltissime poesie sul cervello, sull’intelligenza, come molte citazioni sull’apertura mentale, sulla forza personale.

La mente non è cervello, il cervello è materia, mentre la mente è pura energia, è pensiero intelligente che vaga e indaga, senza il quale noi non saremmo diventati quello che siamo oggi.

E allora perché non onorare questo potenziale segnalando e indicando le più belle che molti autori hanno scritto per rendere omaggio alle facoltà uniche e straordinarie della nostra mente?

Frasi sulla mente e le sue potenzialità

Quanto pesa il cervello? Lo sai? Poco più di un chilo, ma è composto da miliardi di pensieri. Se ognuno di questi pesasse un grammo la terra sprofonderebbe su sé stessa per il peso della testa degli individui. Le frasi che abbiamo raccolto sono tratte da grandi studiosi di psicologia, sono aforismi sulla mente ma anche sul cuore, sulla ragione ma anche sull’anima, perché crediamo che in fondo testa e cuore siano o debbano essere collegati.

Noi siamo il risultato di ciò che abbiamo pensato (Buddha)

Fai attenzione a come pensi e a come parli, perché può trasformarsi nella profezia della tua vita. (San Francesco d’Assisi)

Il successo e insuccesso sono la diretta conseguenza del vostro abituale modo di pensare. (Yogananda)

La lezione più importante che abbia mai imparato” dichiarai allora,” è la straordinaria importanza di quello che pensiamo. Se sapessi quello che pensi, saprei che cosa sei, perché sono i tuoi pensieri a renderti ciò che sei. Cambiando i nostri pensieri, noi cambiamo le nostre vite”. L’unico problema che dobbiamo affrontare sta nel scegliere i pensieri giusti (Dale Carnagie)

Sono i nostri modi di pensare a creare gli eventi esterni, e non viceversa. (…)Il mondo che ti circonda è unicamente il riflesso di ciò che sei in questa fase della tua vita. I luoghi che frequenti e le persone che incontri ogni giorno rappresentano parti di te. (Salvatore Brizzi)

“Chiedete e vi sarà dato…tutto quello che chiedete, credete che l’otterrete e l’avrete (Gesù)

Non è la materia che genera il pensiero, è il pensiero che genera la materia. (Giordano Bruno)

Ciò che la mente può credere lo può realizzare (Napoleon Hill)

Se puoi sognarlo puoi farlo (Walt disney)

“Create la visione più grandiosa possibile per la vostra vita perché diventate ciò in cui  credete.” (Oprah Winfrey)

Cambia i tuoi pensieri e cambierai il tuo mondo.” (Norman Vincent Peale)

Frasi sull’apertura mentale

Chi ha una mente aperta dimostra di possedere intelligenza. Il tempo che stiamo vivendo, di chiusura e paura dell’altro e del diverso, ci porta a non guardare oltre e restare confinati nella nostro ignoranza. Per questo abbiamo pensato che condividere con te citazioni sulla mentalità aperta e sulla capacità di andare oltre le barriere mentali fosse una bella idea per combattere la miseria culturale di questi ultimi anni. Non basterà un articolo, sarà una goccia nel mare, ma intanto farà bene al cuore.

Il viaggio non soltanto allarga la mente: le dà forma. (Bruce Chatwin)

Preferisco avere una mente aperta alle novità che una mente chiusa dai dogmi. (Gerry Spence)

L’apertura mentale e quella della bocca sono inversamente proporzionali nello stupido e nel saggio. (cannovaV, Twitter)

L’espressione usuale “mente aperta” é molto significativa poiché le menti sono per lo più chiuse ed ingombre. (Roberto Assagioli)

Se la vostra mente non è aperta, tenete chiusa anche la bocca. (Sue Grafton)

Aveva la mente aperta, purtroppo da parte a parte. (Stanisław Jerzy Lec)

Laggiù è seduto un uomo dalla mente aperta. Si sente lo spiffero fin da qui. (Groucho Marx)

Tenere la mente aperta non può significare che, poi, ci entri di tutto. (ChiaraBottini, Twitter)

Spesso taluni pensano di avere una mente aperta. Laddove è solo vuota. (Anonimo)

Bisogna essere di mente aperta, ma non tanto da far cadere il cervello. (James Randi)

Frasi sull’intelligenza

E per concludere in bellezza abbiamo scelto di dedicare un paragrafo a citazioni e aforismi sull’intelligenza. La facoltà che ci auguriamo che tutti possano sviluppare grazie all’educazione e ad una società stimolante e amante della conoscenza. Sappiamo che è presuntuoso dirlo, ma ogni tanto ci piacere ricordare anche a noi stessi che il nostro lavoro va in questa direzione. L’università Niccolò Cusano si prefigge di formare menti intelligenti, pronte a dare al mondo una marcia in più.

La mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre. (Albert Einstein)

La mente è più grande del cielo

Perché se li metti fianco a fianco

L’una contiene l’altro

Facilmente.

(Emily Dickinson)

Prima dei cervelli non c’erano colori o suoni nell’universo, né c’erano sapori o aromi e probabilmente poco senso e nessuna sensazione o emozione. (Roger W. Sperry)

La mente è un muscolo. (Ted Turner)

La mente umana si pone grandi domande, e trova piccole risposte. È come un’enorme rete senza pesci. (Yann Martel)

I grandi spiriti hanno sempre incontrato violenta opposizione da parte delle menti mediocri. (Albert Einstein)

Non permetterò a nessuno di passeggiare nella mia mente con i piedi sporchi. (Mahatma Gandhi)

La mente è tutto.

Ciò che tu pensi, tu diventi.

(Buddha)

Commenti disabilitati su Frasi sul potere della mente: ecco le più belle da conoscere Studiare a Genova

Leggi tutto

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali