informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare avvocato europeo: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare avvocato europeo: studi e possibilità Studiare a Genova

L’Unione Europea è un’istituzione che di fatto ha ampliato di molto le possibilità dei cittadini dei paesi che ne fanno parte. La prima su tutte che ti verrà in mente è la libera circolazione. Ma, soprattutto dal punto di vista professionale, questo principio porta con sé opportunità che fino a qualche anno fa non erano possibili e che tuttora forse la maggior parte delle persone neanche conoscono. Con la direttiva dell’Unione Europea 2006/123/CE sono stati eliminati anche tutti gli ostacoli alla libera circolazione dei servizi, per fare in modo che ci fosse la più totale eguaglianza tra le nazionalità di chi li presta. È così anche per la professione di avvocato, ma viste le particolari caratteristiche di questo lavoro, c’è tutto un iter particolare da seguire. Vuoi scoprire come diventare avvocato europeo? Dedica qualche minuto alla lettura di questa guida, preparata appositamente dallo Staff di Unicusano Genova.

Chi è e cosa fa l’avvocato europeo

Partiamo da un presupposto: l’avvocato europeo non è un avvocato “particolare”. Come detto, fino a qualche anno fa non esisteva una dimensione internazionale per quanto riguarda il mercato del lavoro. Soprattutto per professioni che offrivano servizi strettamente collegati a dinamiche particolari come può essere quella dell’avvocato. Ad ogni modo, anche in casi come questo “la legge è uguale per tutti“. Perciò, i giudici europei hanno decretato la possibilità per i neo avvocati di scegliere il paese dove ottenere il titolo professionale.

Quindi, l’avvocato europeo è “semplicemente” un avvocato che ha scelto di abilitarsi alla professione in un qualsiasi paese dell’Unione e/o di esercitare oltre i (non) confini del proprio paese d’origine.

Cosa fa

L’avvocato europeo si mette a disposizione di qualsiasi cittadino di uno degli stati membri per poterne prendere le parti in un contenzioso di natura civile o penale.

Se hai intenzione di iscriverti alla Facoltà di Giurisprudenza di Genova o stai già studiando questa materia, saprai che è estremamente importante avere un’ottima proprietà di linguaggio. Quindi un avvocato europeo deve avere anche dimestichezza con le lingue straniere, oltre che un’approfondita conoscenza del diritto e della Giurisprudenza del paese dove andrà ad esercitare.

A parte ciò, per te che ti chiedi come diventare avvocato europeo è importante sapere che le tue mansioni all’atto pratico non cambieranno. In ogni caso, dovrai:

  • rappresentare i tuoi clienti in tribunale;
  • fornire consigli e suggerimenti su come esercitare e rivendicare i propri diritti;
  • offrire consulenza legale alle aziende.

Il Portale Europeo della Giustizia è la piattaforma dove non solo puoi trovare più informazioni a riguardo, ma anche il luogo virtuale da dove puoi partire una volta completato il tuo iter per diventare avvocato europeo.

L’iter per diventare avvocato europeo

Per semplificare al massimo la risposta alla tua domanda come diventare avvocato europeo schematizzeremo in tre punti i passaggi fondamentali dell’iter che è necessario compiere per farlo.

  1. Prendere una laurea in Giurisprudenza

    Una Laurea in Giurisprudenza è la prima tappa fondamentale, a prescindere dal fatto che tu voglia svolgere la professione di avvocato in Italia o in Europa. Se hai completato gli studi puoi saltare questo passaggio ed andare direttamente al punto successivo. Invece se ancora non hai una laurea ma desideri accelerare i tempi perché non vedi l’ora di lavorare, un corso di Laurea in Giurisprudenza online è quello che fa per te. L’Università Niccolò Cusano a Genova ti mette a disposizione gli strumenti più innovativi per apprendere tutte le materie che dovrai trattare. L’e-learning infatti è la modalità di studio perfetta per chiunque voglia risparmiare in termini di costi ed energie, ed anche per te che vuoi sapere come diventare avvocato europeo.
  2. Abilitarsi alla professione

    Avere una Laurea in Giurisprudenza non equivale a diventare avvocato, ma Dottore in Giurisprudenza. Con questa qualifica hai numerosi sbocchi lavorativi, ma se vuoi prendere le difese delle persone la prima cosa da fare è il praticantato. La durata obbligatoria è di 18 mesi e deve essere svolto presso uno studio leale. Così passerai dai libri a conoscere concretamente ciò che andrai a fare ogni giorno. Passato questo periodo devi sostenere e superare l’Esame di Stato, necessario per l’abilitazione. A questo punto – soprattutto se vuoi diventare avvocato europeo – ti si pone di fronte un bivio. Puoi scegliere se sostenere l’esame in Italia, oppure andarlo a fare in un altro paese comunitario. Scegliere sta a te, ma pensaci bene. Per quanto possa essere una prova complessa, in Italia tratterai materie che hai studiato e con cui hai familiarità. All’estero invece, per quanto le normative possano essere simili, dovrai affrontare lo studio in maniera ancora più intensa.
  3. Ottenere la CCBE Identiy Card

    Se sei a questo punto, sappi che è il passaggio definitivo per sapere come diventare avvocato europeo. Il Consiglio Nazionale Forense, in accordo con il Consiglio degli Ordini Forensi d’Europa può emettere delle tessere di riconoscimento denominate CCBE Identiy Card. Ottenendo questa card di durata quinquennale presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati circondariale, avrai un accesso più semplice agli organi giudiziari o alle istituzioni degli altri stati UE. Allo stesso tempo, sarà un utile strumento d’identificazione immediata come avvocato abilitato.

E questo è tutto: come hai visto, diventare avvocato europeo è più semplice di quello che immagini!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali