informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere una delega: modelli e consigli utili

Commenti disabilitati su Come scrivere una delega: modelli e consigli utili Studiare a Genova

Tutti ci siamo trovati prima o poi a chiederci come scrivere una delega. È un documento semplice e intuitivo da compilare, ma ci sono specifiche norme della giurisprudenza che ne regolano l’utilizzo, è utile conoscerle per non incorrere in sanzioni e inconvenienti.

Delega: che cos’è e a cosa serve

delega fac simileIl termine delega deriva da delegazione, è semplice intuirlo. È una specifica modalità del diritto amministrativo con cui un’autorità amministrativa può sostituirne un’altra. Questa evenienza dev’essere comunque sancita per legge. Serve per consentire ad una persona di svolgere determinate funzioni al posto nostro, azioni che non possiamo compiere in prima persona ma che spettano alla nostra competenza. Una prima distinzione è d’obbligo, le deleghe difatti si suddividono in:

 

  • Delega tipica
  • Delega generica

Queste sono le due tipologie ufficialmente riconosciute, anche se ne esistono delle altre che rendono la materia alquanto nebulosa. In questo articolo cercheremo di fare chiarezza.

La delega tipica è molto comune. Prevede l’esistenza di due autorità: delegante e delegato, quest’ultima è legittimata a compiere azioni o funzioni solitamente di competenza del delegante, grazie al fatto che questo gliene consente l’autorità tramite un atto. Come immagini sono molto frequenti questi casi, e si incontrano generalmente nei rapporti della pubblica amministrazione.

Ci sono casi in cui delegante e delegato operano attraverso la loro autorità dentro lo stesso organo (si veda il caso del Ministro e di un titolare di ufficio afferente come un direttore o un segretario)

In altro l’autorità delegante e delegata sono appartenenti ad organi al di fuori dello stesso ente.

Per i primi casi che abbiamo indicato (quelli in cui le autorità si trovino nel medesimo ente) dobbiamo segnalare un’altra divisione importante, quella tra delegati aventi competenze proprie e delegati privi di tali competenze. Entrambe le tipologie sono definite di delega interorganica.

Capisci ora perché ti dicevamo che si tratta di una materia niente affatto semplice: ci sono molte variabili e probabilmente sono chi ha una laurea in giurisprudenza le conosce nel dettaglio.

La costituzione stessa prevede l’esistenza di deleghe (all’articolo 118) nella fattispecie della delega intersoggettiva, ossia quella che intercorre tra due autorità di enti diversi, basti pensare al rapporto tra regioni ed istituzioni locali.

La delega atipica

Esiste anche un tipo di delega chiamata atipica che non si presenta per regolare autorità amministrative per organi o uffici. Per intenderci è quella che viene emessa da un sindaco all’elettore, oppure quella degli enti autonomi, a cui lo Stato ha ceduto alcune funzioni amministrative che a loro volta possono delegare agli enti locali, per via di una modalità amministrativa che viene chiamata amministrazione per programmi.

Tipologie di delega e caratteristiche

La delega in senso generico vuol dire tutto e niente. Per comprendere nel dettaglio di che strumento stiamo parlando ne dobbiamo illustrare precisamente le caratteristiche.

Gli elementi specifici delle deleghe sono sostanzialmente tre:

  • È un atto dispositivo di un soggetto nei confronti di un altro. Non è una dichiarazione né un’autorizzazione, in quando il delegato non assume competenza e autorità perché la legge gliela conferisce. Semmai è il delegante che acquisisce il potere di delegare grazie alla legge.
  • L’atto stabilisce che la competenza si eserciti su un dato oggetto. Si può compiere un solo atto, oppure uno stesso atto può essere emanato ogni volta che si manifestano determinate condizioni, per la durata che viene stabilita della stessa. Un’altra possibilità è che la delega sia valida per più atti ma tutti facenti parti di una materia.
  • L’atto è da considerare revocabile. La revoca può essere espressa o tacita, secondo quel principio che in giurisprudenza ha un bellissimo nome latino: facta concludentia. Il diritto sostiene che la revoca va sempre espresso, ma in linea di massima la revoca tacita non può dirsi esclusa.

Delega ed esercizio del potere

Il rapporto tra delegato e delegante è delicato. Ricordiamo che tra i due non vi è una relazione gerarchica, qualora vi fosse è da considerarsi al di fuori della legislazione. Ti suggeriamo di non intraprendere relazioni o azioni che prevedine deleghe tra superiori o subordinati, perché il sottile gioco di potere che lega i due potrebbe danneggiare l’oggettività di questo strumento giuridico.

Possiamo comunque affermare che la delega stabilisce la supremazia del delegante, che in realtà possiede dei diritti sul delegato e si troverà pertanto in una situazione di obbligo.
in ogni caso molto spesso nelle deleghe è espresso chiaramente quanto il documento assicuri il potere individuale di esercizio della competenza delegata, per tale motivo il delegato gode di una libertà e discrezionalità. Se invece non osserva le istruzioni impartite può essere considerato responsabile delle conseguenze.

Come si fa la delega generica

delega per ritiro documentiAbbandonando per un attimo le questioni prettamente legali possiamo aiutarti a comprendere come scrivere una delega senza errori. Spesso capita che chi lavora non possa assentarsi dall’ufficio per andare a ritirare un referto medico o per ritirare un pacco alla posta. Di solito in questi uffici è richiesta la firma e la presenza dell’interessato.

Ma se hai una persona di fiducia puoi chiedergli di recarsi lui al posto tuo. Per farlo avrà appunto bisogno della delega. Prima di scrivere una delega facs simile di tuo pugno puoi assicurarti che l’ufficio non abbia già dei moduli prestampati, spesso è così e in molti casi è possibile scaricarli da internet. Quando non è possibile si può optare per la delega standard.

La struttura del documento prevede due parti:

  • Informazioni sul delegante
  • Informazioni sul delegato

Va anche esplicitato l’oggetto della delega, in modo chiaro e preciso.

Per compilarla completamente prova a seguire questo schema per quanto riguarda la parte del delegante, ossia la prima parte:

  • Nome
  • Cognome
  • Data e luogo di nascita
  • Codice fiscale
  • Residenza

Per residenza si intende l’intero indirizzo e non soltanto il paese. Lo stesso schema va utilizzato per la parte del delegato, sotto la quale bisogna aggiungere l’oggetto della delega: il tipo di operazione che si richiede di svolgere al delegato. Cerca di scrivere una frase sufficientemente esplicativa, si deve comprendere perfettamente di che cosa si tratta, senza lasciare spazio a interpretazioni.

Attenzione, un altro documento richiesto insieme alla delega è la fotocopia del documento di identità del delegante (si presume che il delegato abbia l’originale con sé).

Come scrivere una delega facs simile

Lo schema che abbiamo mostrato nel precedente paragrafo è abbastanza chiaro. Ricapitolando:

  • Nella prima parte i dati del soggetto delegante
  • Nela seconda parte i dati del soggetto delegato
  • Oggetto delle delega
  • Data e luogo
  • Firma

Anche questi ultimi due punti sono molto importanti. Una vera delega, valida come documento dev’essere corredata di firma e di data, altrimenti rischia di non essere considerata valida. Come hai visto non c’è bisogno di essere laureati o di avere un master in giurisprudenza per imparare a scrivere una delega correttamente, basta seguire queste semplici indicazioni e ovviamente non tentare di dichiarare il falso. Tutte le dichiarazioni non veritiere rischiano di farti correre dei guai. A quel punto è meglio che ti sbrighi da solo le faccende amministrative.

Infine ti lasciamo con un prototipo di delega che puoi utilizzare.

Il/La sottoscritto/a _______________ nato/a ____________ il___________
residente in via ______________________CAP __________ Città ________________
Codice Fiscale _______________________________Documento di identità n. __________________ rilasciato da _____________________il __________________

DELEGA

il/la sig./sig.ra _______________ nato/a ____________ il ___________
residente in via______________________CAP__________Città ___________________
Codice Fiscale _________________________________________________________
Documento di identità n. __________________ rilasciato da_______________________il __________________

a (indicare il tipo di operazione per cui si effettua la delega)

(Luogo e Data)
(Firma Delegante)

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali