informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere una relazione di lavoro: esempi e linee guida

Commenti disabilitati su Come scrivere una relazione di lavoro: esempi e linee guida Studiare a Genova

In questo articolo ti spieghiamo come scrivere una relazione di lavoro. Forse è la tua prima esperienza professionale o di tirocinio e non sai da dove iniziare. O magari hai già avuto molta esperienza in passato e sei alla ricerca di consigli per ottimizzare il resoconto del tuo ultimo impiego. Trascrivere nero su bianco l’impegno, la dedizione e le intuizioni di un percorso professionale o di apprendimento può essere difficoltoso. Se senti di aver bisogno di qualche utile suggerimento continua a leggere la nostra guida.

La relazione di lavoro: obiettivi

esempio relazione attività lavorativaL’obiettivo finale in un qualsiasi modello di relazione è informare l’eventuale lettore su un progetto, un tirocinio, un’esperienza lavorativa. Per centrare questo obiettivo è importante conoscere il tipo di pubblico a cui è rivolto l’elaborato scritto. Ti forniamo una lista di cinque consigli che devi tenere a mente prima di iniziare il lavoro di scrittura vero e proprio. La struttura di una relazione si costruisce passo dopo passo, non avere fretta di tenere in mano il lavoro finito, pianifica i passaggi con attenzione e vedrai che presto otterrai un’ottima relazione da consegnare al responsabile.
I consigli più importanti per iniziare a scrivere un report di lavoro sono:
1. Informarsi sul contesto
2. Stabilire il fine della relazione
3. Trovare un metodo
4. Organizzare e pianificare il lavoro
5. Fare una scaletta

Relazione finale di un lavoro: come procedere

Questi cinque consigli ci permettono di addentrarci nella fase preliminare. Se ti muoverai correttamente in questa fase sarai già a metà dell’opera. Come prima cosa abbiamo detto che dovrai reperire quante più informazioni possibili sul contesto. Il contesto si divide in due tipologie distinte:

• contesto oggetto di lavoro
• contesto di ricezione della relazione

Anche se molto probabilmente si tratta della relazione finale di un tirocinio formativo o di un report mensile del lavoro svolto per una determinata azienda non hai ancora concluso il tuo impegno. Devi vedere questa fase del lavoro come parte integrante di tutto il processo. Dare la giusta importanza alla relazione ti aiuterà ad impegnarti con dedizione, senza trascurare i dettagli.
Quante informazioni hai immagazzinato sul contesto lavorativo? Quanto hai imparato e quali sono le tue valutazioni circa l’ambiente, il personale, gli ostacoli e altri elementi facenti parte dell’esperienza in cui ti sei immerso? Forse hai in mente che ti sarebbe utile riprendere i contatti con il responsabile di quel reparto che ti ha facilitato alcuni passaggi, o magari hai necessità di un documento importante che potrebbe fornire dati utili alla relazione finale.
In questa fase hai ancora il tempo sufficiente per richiedere approfondimenti, documenti, informazioni e metterle insieme per creare il tuo report di lavoro.

Modelli ed esempi di relazione: le finalità

esempio di relazione universitaria

Quando ti abbiamo indicato tra i consigli il bisogno di stabilire la finalità della relazione intendevamo dire che l’obiettivo influenza altri aspetti: linguistici, grafici, di formattazione, ma anche di stile e forma. Puoi appuntare su un quaderno i diversi motivi per cui ti è stata richiesta una relazione:

 

• valutazione delle tue competenze
• condivisione di risultati professionali,
• analisi di un contesto lavorativo

Ognuno di questi ha un modello di relazione da seguire, un registro da adottare, che si modifica anche in base alla relazione che intercorre tra chi scrive e chi legge.
Se ti è stata richiesta una relazione conclusiva dello stage da parte del professore tutor dovrai utilizzare un registro formale. Se invece il report è destinato al tuo team di colleghi con il quale hai stabilito una relazione di affetto e amicizia puoi lasciarti andare ad uno stile meno serio.
Il punto tre è ugualmente centrale: trovare un metodo è una buona strategia, non solo per scrivere relazioni di lavoro efficaci ma in generale. C’è un metodo per ogni cosa e conoscerlo ci risparmia tempo e fatica. Ovviamente on line si sprecano i consigli e gli esempi di relazioni finali di tirocini e di qualsiasi altro genere, ma sconsigliamo di aggrapparsi a questi modelli fac simile. Trova il tuo metodo, procedi attraverso questi consigli e crea un documento sintetico, breve e semplice, sarà più che sufficiente se non addirittura eccellente. Forse sei abituato prima a reperire le fonti, poi a fare la scaletta e in seguito a scrivere. Ma c’è anche chi organizza il lavoro “al contrario”:

• scrittura
• reperimento fonti
• scaletta
• revisione

Procedendo in questo modo il documento avrà continuo bisogno di correzioni, ma il processo di scrittura immediato può contribuire a far emergere altre intuizioni e a limitare la ricerca delle fonti allo strettamente necessario.

Come organizzare la stesura di una relazione

Non è importante quale sia l’ordine in cui pianifichi le attività di svolgimento della relazione, ma è importante che le abbia tutte chiare a mente. Scegli tu quali tappe affrontare per prime e poi scegli anche un tempo da dedicare. Ti facciamo un esempio pratico:

• scrittura introduzione: 3 ore
• ricerca fonti: 8 ore
• revisione introduzione: 1 ora
• schema dei paragrafi: 1 ora
• stesura primo paragrafo: 2 ore

Soprattutto quando hai poco tempo a disposizione è importante scegliere con precisione uno schema orario e rispettarlo. Tutti gli altri metodi lasciano alquanto a desiderare, l’unico infallibile è questo: fare una scaletta precisa, calendarizzare gli step e darsi da fare.

Lo schema perfetto per una relazione di lavoro

Per andare dritti al punto e non disperdersi in inutili discorsi è utile avere uno schema di riferimento nel quale inserire le informazioni raccolte ed elaborate. Uno schema ricorrente e molto apprezzato nei contesti professionali per la sua chiarezza è quello delle otto domande:

• chi
• quando
• cosa
• come
• quanto
• perché
• per cosa
• dove

Dunque introduci l’argomento e poi presentati, indica quali sono stati i tempi della ricerca o dell’esperienza, in quale periodo, stagione, e soprattutto la durata. Per rispondere alla domanda “cosa” ci si aspetta che tu illustri nel dettaglio cosa è stato fatto. A “come” corrispondono i metodi e gli strumenti che hai messo in campo sia strategicamente che analiticamente.
Rispondendo alle varie domande avrai una traccia da seguire e il discorso si dipanerà da solo, troverai l’ispirazione per dare spazio alle tue considerazioni personali, ai vari aspetti che hai affrontato e ai punti salienti che meritano di essere sottolineati.

Altri consigli utili per relazioni e report di lavoro

In questo ultimo paragrafo vogliamo fornirti le ultime indicazioni necessarie a realizzare un buon documento. Ricorda ovviamente di rispettare la consegna. Parla con il responsabile o il direttore, insomma, con la persona a cui dovrai consegnare il lavoro finito o che ti ha commissionato la relazione. Chiarite fin da subito se ci sono parametri e criteri di forma da rispettare. Questo eviterà inutili fraintendimenti e correzioni strada facendo o, peggio ancora, un esito negativo della relazione. Gli ultimi suggerimenti che vogliamo darti sono i seguenti:

• sintesi e qualità della scrittura
• termini tecnici solo se strettamente necessari
• grafici, infografiche, immagini sono ben accette purché pertinenti
• impaginazione pulita
• titoli e sottotitoli ad effetto e accattivanti
• creatività ridotta all’essenziale (se non richiesta)
• citare sempre le fonti

Ci sembrava doveroso concludere con questi richiami. Se non siete esperti di scrittura fatevi aiutare da qualcuno che ha fatto studi umanistici. Se sei uno di quegli studenti di Ingegneria che temono il bianco della pagina e il foglio dello scrittore puoi ricorrere a qualche parente o amico fidato, oppure puoi provare una volta per tutte ad avere fiducia nelle tue recondite potenzialità.
Stesso discorso per quanto riguarda l’impaginazione e gli aspetti più “tecnici” riguardanti la grafica e la formattazione. Se puoi provvedere da solo a creare un documento gradevole anche dal punto di vista visivo avrai guadagnato altri punti in più per colpire i tuoi lettori.
Ci auguriamo che questi consigli siano stati utili e che tu abbia trovato la motivazione per scrivere una relazione di lavoro degna del tuo impegno.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali