informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come studiare per economia politica? Le strategie da testare

Commenti disabilitati su Come studiare per economia politica? Le strategie da testare Studiare a Genova

Un articolo su come studiare per economia politica può essere utile ad aiutare tutti quelli studenti della facoltà di Economia a Genova di altri corsi di laurea alle prese con questa materia. L’economia politica ha la fama di essere una materia difficile, e circolano voci di corridoio che l’esame sia tosto da sostenere. Sono appunto voci di corridoio. In realtà si tratta di una materia molto interessante, piena di spunti utili per indagare il presente, e di conseguenza molto pratica. Conosciamola meglio, per imparare a studiarla per bene.

Studiare Economia Politica

studio dell'economia politicaParliamo un po’ meglio di Economia Politica, parliamo di questa scienza nata con l’età moderna, nata con il crescere dei commerci di tipo internazionale. È parte di molti corsi di studi e all’interno del percorso universitario rappresenta tappa obbligata per chi intraprendere indirizzi di stampo economico, politico o sociale.

Studiare economia politica serve a comprendere un aspetto cruciale dell’economia stessa, ovvero come le società scelgono di rispondere ai bisogni individuali e collettive attraverso la gestione delle risorse e come interagiscono tra di esse all’interno di queste dinamiche. Possiamo approfondire l’economia politica anche per interessi personali, e sicuramente apprenderemo moltissime cose interessanti. Ma sono soprattutto le persone che devono affrontare l’esame a voler capire come riuscire a studiare questa materia senza confondersi, in modo preciso e soprattutto efficace (e funzionale a prendere un bel voto).

Come studiare per economia politica: seguire le lezioni

Lo studio dell’economia politica non deve terrorizzare nessuno. Un primo modo per prendere confidenza con i linguaggi specifici della materia e per assimilare gradualmente la sua visione e impostazione è seguire le lezioni, molto semplicemente. Piuttosto che ridurti all’ultimo momento e ritrovarti davanti svariate quantità di libri e manuali di economia da studiare, senza una guida, senza una prospettiva di riferimento, è meglio sfruttare l’occasione offerta da ogni università e seguire le lezioni.

Lo studio di questa materia inizia proprio con le spiegazioni dei professori. Anzi, si suol dire in ambiente accademico, che spesso seguire le lezioni di economia politica equivale a fare il 50% del lavoro richiesto per sostenere l’esame, un bel vantaggio, non trovi?

Perché è meglio seguire le lezioni? Abbiamo messo in fila le nostre motivazioni, una per una, così è più facile da capire:

  1. Perché si conoscono meglio gli argomenti che si porteranno all’esame
  2. Perché si possono fare domande dirette ai professori se qualche concetto non è chiaro
  3. Perché si possono prendere appunti e schematizzare seguendo una spiegazione più esaustiva di tutti gli argomenti

Come riuscire a studiare: gli schemi veloci

Ci sono esami che mettono in difficoltà una percentuale molto alta di studenti. Tra quelli che vengono spesso citati come i più temuti troviamo, microeconomia, diritto privato e appunto economia politica. Quando gli esami sono così complicati è utile avere un piano d’azione per affrontarli di petto, per sapere come puntare dritto l’obiettivo.

Facciamo l’esempio partendo da Economia Politica, l’esame di cui stiamo parlando in questo articolo. Per studiare le materie economiche è sempre meglio farsi uno schema, una tabella di marcia, come ci piace chiamarla.

La tabella per studiare economia deve contenere alcune importanti informazioni: la scadenza della data d’esame, i giorni a disposizione per studiare, la quantità di materiale da affrontare e le ore che si vogliono dedicare.

Attenzione, mettendo in ordine di priorità queste informazioni quelle più importanti per preparare l’esame di economia politica risultano essere i giorni a disposizione e la quantità do materiale da studiare. Una volta che avrai capito che tot libri puoi studiarli in tot giorni ti sentirai più sicuro e organizzato. E qui, parte il secondo step fondamentale: gli schemi veloci. Cosa sono?

Gli schemi veloci possono essere fatti in molti modi, ma a noi piace proporre quello più semplice e intuitivo, che si ispira alle mappe concettuali. Prendi il titolo del manuale e scrivilo al centro del foglio. Da questo centro fai partire molti rami che sono i vari titoli dei capitoli. Così avrai una panoramica delle tematiche dell’economia politica.

Per ogni capitolo dovrai fare un altro schema, procedendo con sempre maggiore approfondimento.

Questo metodo è molto apprezzato da chi ha già dimestichezza con le mappe concettuali, ma un tentativo non guasta anche tra chi non le conosce, può essere davvero salvifico. Un altro consiglio, in chiusura, è quello di cambiare approccio e punto di vista, magari scegliendo di ascoltare delle lezioni audio mentre si lavano i piatti, oppure guardando qualche video su internet. Ma noi, a chi ci chiede come studiare economia politica, continuiamo a ripete che il modo migliore è senz’altro avere a disposizione strumenti tecnologici innovativi. L’Università on line Niccolò Cusano, ad esempio, mette a disposizione le lezioni on line ai suoi studenti, sempre disponibili, 24 ore su 24, un vantaggio che non tutte le università concedono, con queste modalità anche affrontare le materie più ostiche diventa più semplice. Per maggiori informazioni visita il sito, accedi alla pagina della facoltà di Economia di Genova e scegli il corso che fa per te.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali