informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare bancario: competenze e opportunità

Commenti disabilitati su Come diventare bancario: competenze e opportunità Studiare a Genova

Sono decenni che molte persone si chiedono come diventare bancario. È sempre stato un lavoro molto ambito, per varie ed ovvie ragioni. L’immaginario collettivo situa l’operatore di sportello bancario all’interno di un ceto sociale medio-alto. Si presuppone che chi ricopre questa posizione possa permettersi uno stile di vita agiato. Le banche offrono indubbiamente garanzie e benefit che fanno gola a molti studenti di Economia, che sognano di sedersi dietro una di quelle scrivanie non appena avranno terminato gli studi. Ma non si tratta di un miraggio irraggiungibile. In questo articolo ti illustriamo quali sono i requisiti richiesti e le competenze, inoltre ti forniamo qualche indicazione più precisa su stipendi e previsioni di guadagno.

Come si entra a lavorare in banca

Nonostante il fascino che sprigiona un lavoro in banca e tutto ciò che ne consegue (stipendi, agevolazioni, sicurezza) nel corso dell’ultimo decennio anche questa professione si è trasformata. La recente crisi ha imposto una rivoluzione nel mondo del lavoro che non ha risparmiato nessun ambito. Seppur diverso dal passato lavorare nelle banche è ancora un ottimo risultato e una valida posizione. Ecco quali sono i vantaggi che comporta:

  • Orari di lavoro agevoli
  • Maggiori sicurezze
  • Buon stipendio

Ma come si entra a lavorare in banca? Diamo per scontato il possesso del diploma di scuola superiore, un’ottima formazione è quella in ragioneria che avvicina gli studenti alla contabilità e al calcolo e fornisce abilità idonee a ricoprire la futura posizione. Il diploma però non è sempre sufficiente. Molti istituti di credito richiedono il possesso della laurea in Economia e Commercio e in alcuni casi anche un master in Economia, finanza e simili.
Per quanto riguarda il percorso accademico, o i corsi per lavorare nelle banche, anche Matematica è considerata una disciplina che fornisce un approccio idoneo. Dopo aver svolto l’iter universitario e aver conseguito la laurea è possibile accedere al lavoro in banca partecipando ai concorsi degli istituti bancari. L’invio di curriculum può essere un punto di partenza, ma sconsigliamo di limitare questa pratica alla sola risposta ad annunci specifici, perché altrimenti si rischia di cadere nel buco nero delle mail cestinate.

Master e concorsi per diventare bancario

Master e concorsi rimangono la via più solida ed efficace per diventare operatore di sportello bancario, i primi perché lasciano maggiore spazio all’esperienza diretta sul campo, offrendo possibilità di stage e di tirocinio; i secondi perché con un preciso meccanismo di valutazione e punteggi calcolano chi ha maggiore merito e requisiti per ricoprire il ruolo.

Purtroppo non sempre si riesce ad avere accesso immediato a queste occasioni di formazione. I master on line rappresentano una buona alternativa per coloro che vogliono andare dritti verso l’obiettivo e alleggerire le questioni logistiche approfondendo esclusivamente teoria e pratica economica. Non esiste il numero chiuso e tutti possono avere accesso ovunque si trovino.

Lavorare nelle banche conviene?

Diventare operatore di sportello bancarioA questa domanda non possiamo che rispondere sì. La banca è ancora uno degli istituti più sicuri, nonostante le recenti cronache abbiano fatto circolare un allarme circa il loro futuro. A livello di occupazione e di stipendio rimane ancora una delle alternative più appetitose per chi desidera sperimentare una vita professionale a contatto con l’economia reale.

Una buona percentuale delle persone professionalmente coinvolte in istituti bancari possiedono un contratto a tempo indeterminato, che di questi tempi è davvero un grandissimo sogno per molti.

Un operatore di sportello bancario arriva a guadagnare circa 1.300 euro netti al mese. Non sono cifre esorbitanti, ma da questo punto di partenza si aprono nuove prospettive di carriera per scalare la vetta dei guadagni. I più ambiziosi troveranno sicuramente quello che cercano.

Un lavoro sicuro, con scenari di crescita professionale ed economica, è il tipo di impiego che desiderano in tanti. I tempi che corrono pongono molti interrogativi, soprattutto alle giovani generazioni, che si domandano come crearsi un futuro partendo dalla precarietà che ci circonda.

Il lavoro in banca mette a tacere queste preoccupazioni. Inoltre, adattandosi all’evoluzione tecnologica e massmediatica, anche le banche hanno dovuto aprire le porte a nuove figure professionali. Ma quella di bancario resta senza dubbio quella più ambita, meglio remunerata e stimolante.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali