informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Emozioni primarie: quali sono e come riconoscerle

Commenti disabilitati su Emozioni primarie: quali sono e come riconoscerle Studiare a Genova

Le emozioni primarie sono insite in ogni individuo. Sono da sempre oggetto di studio e di ricerca da parte degli studiosi di psicologia, emergono già in tenera età, quando gli istinti si manifestano e la socialità fa emergere le reazioni spontanee. Scopriamo insieme quali sono e qual è la differenza con le emozioni secondarie.

Emozioni primarie e secondarie

Hai visto Inside Out? È il cartone animato della Disney che per la prima volta ha portato sul grande schermo le emozioni. È un buon modo, diretto e semplice, per comprendere cosa sono le emozioni primarie e come funzionano. Come abbiamo detto si definiscono e manifestano già nei primi anni di vita. Un esempio classico è quello dell’emozione di disgusto, che coglie i bambini quando portano alla bocca cibi dal sapore sgradevole. Un’emozione che viene comunicata istintivamente con l’espressività facciale. Ecco la lista completa di queste emozioni principali:

  • Gioia
  • Tristezza
  • Stupore
  • Rabbia
  • Paura
  • Disgusto

emozioni di baseCosa differenzia queste dalle emozioni secondarie? Le primarie non sono attivate da un concetto di sé, dalla consapevolezza, mentre le secondarie sono mediate dall’introspezione e nascono da una reazione generata da chi possiede un’idea più o meno formata della propria persona.

Gli studiosi evoluzionisti sono concordi sul fatto che le emozioni cosiddette primarie sono necessarie all’individuo per consentire un adattamento nella vita, lo dimostrerebbe anche il fatto che siano presenti in tutte le culture, sono pertanto considerate universali.

Le emozioni secondarie invece sono il frutto di una mescolanza delle prime, sono più complesse, nel bambino emergono quando inizia a pronunciare i pronomi personali e a costruire giochi in cui rientra l’immaginazione e l’uso della fantasia.

Ad esempio, tra le emozioni secondarie c’è la vergogna. Il bambino prova questa sensazione se possiede una comprensione del contesto sociale in cui è immerso e se percepisce lo sguardo altri su di sé, avvertendo che il suo comportamento, la sua immagine o la sua comunicazione suscitano reazioni sottoposte a giudizio.

L’espressione delle emozioni

elenco emozioni e sentimentiPer riconoscere le emozioni è necessario soprattutto osservare il corpo. La nostra dimensione fisica ci permette di leggere tra le righe la presenza di un’emozione più o meno forte. Sono tante le modificazioni fisiologiche, ma alcune sono impercettibili. Il respiro, il battito cardiaco e il movimento improvviso (ad esempio la fuga) cambiano a seconda degli eventi circostanti e delle sensazioni che generano. Ad esempio, la paura può far sgranare gli occhi, lo stupore può far aprire la bocca o addirittura far emettere grida di giubilo.

A volte non è semplice gestire queste reazioni fisiche. Nonostante la convivenza fin dall’infanzia con queste reazioni spontanee può essere difficile mascherare la paura, la rabbia e anche le emozioni più positive. Quando si diventa adulti le principali reazioni emotive si caricano del peso delle emozioni secondarie che vi si sovrappongono, la paura genera ansia, lo stupore genera vergogna e così via, facendoci, ponendoci in condizioni di difficoltà. Se senti che le tue emozioni hanno il sopravvento e ti senti in difficoltà puoi cercare aiuto nelle scienze psicologiche. Una chiacchiera con qualcuno che ti sappia guidare nella buona gestione del tuo vissuto emotivo può renderti la vita migliore.

Le emozioni nel dettaglio

Sono moltissime le ricerche che si sono addentrate nella categorizzazione e nella precisa definizione delle reazioni emotive innate. Ma quali sono le cause che portano alla manifestazione di questi movimenti interiori?

  • Rabbia: frustrazione che può raggiungere aggressività
  • Tristezza: Senso di mancanza o vuoto
  • Paura: istinto di sopravvivenza che si innesca davanti a eventuali pericoli
  • Gioia: la positività suscitata dalla soddisfazione per un risultato o un obiettivo raggiunto
  • Stupore: può essere sia negativa che positiva, in seguito a eventi o stimoli del tutto inattesi
  • Disgusto: fastidio e repulsione per cose sgradite o sgradevoli

Da queste reazioni nascono ed emergono una serie di altre emozioni di cui abbiamo accennato, quelle secondarie. Eccone alcune, tra le più frequenti e conosciute:

  • Invidia: il desiderio di possedere cose o qualità altrui
  • Ansia: forte emotività causata da un ipotetico pericolo percepito come difficile da superare
  • Speranza: la capacità di avere fiducia nel palesarsi di eventi positivi
  • Nostalgia: una percezione di desiderio nei confronti di luoghi, tempi o cose lontane e dfficili da raggiungere

Si potrebbe proseguire nella lista, sarebbe importante farlo, per sviluppare l’intelligenza emotiva, un tipo di abilità che consente agli individui di conoscere e comunicare più facilmente ciò che si prova. È molto importante che ognuno di noi apprenda a gestire ed accettare come funzionano le nostre reazioni emotive, per vivere relazioni più appaganti e una socialità più serena. Lo stress della vita contemporanea ci mette a dura prova, innalzando i livelli di stress e di ansia. Ma ascoltarsi, prendersi un tempo per riflettere su sé stessi può essere un buon punto di partenza per crescere personalmente, accettarsi e imparare a volersi bene.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali