informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Perché lavorare in coworking? 3 cose da sapere sul lavoro agile

Commenti disabilitati su Perché lavorare in coworking? 3 cose da sapere sul lavoro agile Studiare a Genova

Lavorare in coworking è il meglio che si possa immaginare. Siamo nell’epoca del lavoro smart, delle partite IVA, dei free lance pronti a tutto. Sapersi organizzare il lavoro in autonomia è difficile, bisogna entrare nel meccanismo per cui ci si regola e ci si gestisce da soli e, soprattutto per gli indisciplinati, può risultare davvero faticoso. Stiamo assistendo tutti a quanto sia complicato lavorare da casa, per diverse ragioni. Ma vogliamo dirvi che ci sono altre possibilità, quando sarà possibile tornare a occupare gli spazi lavorativi in modo più libero e rilassato. E una delle possibilità più interessanti è proprio quella con cui abbiamo esordito, vogliamo spiegarti perché.

Lavoro in coworking: com’è nato?

postazione coworkingL’idea del coworking è nata a San Francisco nel 2005, quando molti professionisti free lance che non avevano la possibilità di avere un ufficio tutto per loro decisero di condividere uno spazio di lavoro con altri professionisti. È davvero un’idea semplice quanto efficace. Ma bisogna precisare che avere un ufficio in coworking significa spesso abbracciare una visione collettiva. Infatti sai qual è la differenza rispetto all’ufficio tradizionale? Risiede nel concetto di condivisione, nell’idea di community. Spesso gli spazi del coworking sono in totale condivisione, all’interno di ampie stanze di lavoro dove ognuno può portare avanti in proprio lavoro prendendo spunto e supportando gli altri.

In fretta e furia, sull’onda del successo e della soddisfazione di tutti coloro che ne facevano esperienza, il coworking è diventato un modello replicato ovunque a livello mondiale. Ufficio o coworking è diventato il dilemma anche di moltissimi lavoratori liberi professionisti, ma anche artigiani e creativi di ogni natura. L’Europa ha risposto bene, e si è unita anche l’Italia, dove ovviamente l’idea di coworking ha attecchito a Milano, che è stata la prima città italiana ad aprirne uno.

Sicuramente il successo di questo modello è dovuto anche ai mutamenti del mercato del lavoro, all’implementazione delle tecnologie, all’avvento del digitale in tutti i contesti.

I vantaggi di lavorare in coworking

Quella che molti pensavano fosse soltanto una moda passeggera in realtà si è rivelata una spinta all’innovazione. Moltissime ricerche hanno addirittura dimostrato che lavorare in coworking aumenta la produttività, grazie alla percezione di maggiore collaborazione, agli stimoli positivi, all’accoglienza e al mutuo appoggio che si genera in un ambiente condiviso di lavoro.

Vediamo quali sono i principali vantaggi riconosciuti del lavoro in coworking, ne abbiamo individuato tre:

1. Nessuna distrazione

Lavorare da casa può avere anche dei vantaggi, questo forse non l’abbiamo detto. È un po’ come studiare da casa. I nostri studenti delle facoltà on line di Genova sanno quanto sia vantaggioso poter seguire le lezioni e fare le esercitazioni per l’avanzamento nello studio direttamente dalla propria scrivania (o da dove si vuole), senza pendolarismi, ottimizzando il tempo.
Ma a volte c’è un ostacolo che può compromettere i risultati delle attività fatte da remoto: la distrazione. Letti e divani, tv e incombenze varie sono intorno a noi, e bisogna sapersi mettere delle regole per non farsi travolgere dal desiderio di interrompere quello che si sta facendo per fare altro.

Per questo avere a disposizione una lista dei coworking a Genova può essere da sprone a trovare un ambiente maggiormente focalizzato, produttivo e finalizzato al perseguimento degli obiettivi riducendo l’impatto delle distrazioni esterne.

2. Stimoli condivisi

Come abbiamo detto poco fa chi ha scelto di lavorare dentro un coworking spesso lo fa non solo per trovare un ambiente proficuo e fertile per il proprio lavoro, ma anche per avere maggiori stimoli. Condividere l’ambiente di lavoro significa fare rete, entrare in contatto con professionisti con cui interscambiare esperienze, conoscenze e perché no, anche qualche battuta ogni tanto.

All’interno di un clima conviviale (si spera, anche se non tutti i coworking sono così) potrai fare networking, metterti al servizio di altre persone che cercano qualcuno che abbia le tue skills, oppure accedere al bagaglio di esperienze altrui, perseguendo una filosofia di lavoro più arricchente.

3. Risparmiare e scambiare informazioni

Se hai bisogno di un ufficio a tutti i costi, ma non hai un budget adeguato per affittarti un locale esclusivamente per te puoi valutare l’idea di affittare una postazione coworking. Ci sono opzioni molto vantaggiose, in cui vengono addirittura messi in condivisione strumenti, tool, nuove tecnologie e anche tante informazioni utili su bandi, concorsi e quant’altro. In che senso può aiutarti a risparmiare lavorare in coworking? Innanzitutto perché hai accesso a molte cose che dovresti pagare autonomamente se fossi proprietario di uno spazio tuo: bollette, affitto, ma anche materiali per le stampanti o per gli altri dispositivi necessari per portare avanti un progetto lavorativo indipendente. E poi perché la condivisione genera guadagno, ottimizza i consumi, riduce le spese, e questo è ormai risaputo ed è il cavallo di battaglia della sharing economy.

Speriamo di averti convinto ad entrare in questo fantastico mondo del lavoro in coworking, hai solo da guadagnare.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali