informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è il microcredito: quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Cos’è il microcredito: quello che devi sapere Studiare a Genova

In temi di crisi si corre ai ripari, se ancora non sai cos’è il microcredito leggi questo articolo, in cui ti spieghiamo in breve la storia, chi e come può richiederlo e perché è importante essere informati su un argomento così caldo e sensibile come l’economia e i finanziamenti per le persone svantaggiate.

Il microcredito in sintesi.

Con questa parola si definisce uno strumento molto efficace di sviluppo economico che consente a soggetti svantaggiati (come persone fisiche o imprese) di usufruire di una somma per l’avvio di attività di microimpresa, ma anche per sopperire ai costi necessari per fronteggiare un’emergenza.
Questo genere di strumento si è sviluppato soprattutto nei paesi in cui i tassi di povertà sono molto alti e impongono iniziative per agire sul tessuto sociale in maniera incisiva. Molte persone che fanno parte di quella percentuale non possono accedere alle normali richieste di finanziamento, non possedendo alcuna garanzia.

Soprattutto in Bangladesh, grazie all’impegno del banchiere Muhammad Yunus, migliaia di piccole attività hanno potuto richiedere il microcredito ed emanciparsi da una situazione di povertà. Grazie a Yunus il microcredito è entrato a far parte del dibattito mondiale, contribuendo a creare soluzioni pratiche per chi stava in difficoltà. Non stupisce affatto che la stragrande maggioranza delle persone che nel corso dei decenni hanno avuto accesso ai finanziamenti della Grameen Bank di Yunus siano state donne. Proprio la fascia più “debole” della popolazione, che però ha straordinariamente mostrato di registrare tassi di insolvenza nettamente più bassi.

Ma questa tipologia di finanziamento non ha attecchito solo nel sud del mondo, negli ultimi decenni anche nelle economie più sviluppate si è sentita l’esigenza di diffondere nuove possibilità alle persone meno abbienti, purtroppo in continuo aumento.

Anche in Italia e in altri paesi europei molti si domandano come richiedere un prestito, soprattutto i nuovi poveri e le piccole imprese o gli artigiani che spesso si vedono negata la possibilità da condizioni troppo restrittive. Per questo il microcredito può essere suddiviso in diversi tipi di intervento:

  • Sostegno al fabbisogno finanziario indistinto
  • Avviamento delle attività imprenditoriali
  • Sostegno agli studi

Anche in Italia si può usufruire di questi finanziamenti e richiedere un prestito di microcredito, se si rientra all’interno di determinati requisiti. Le differenze con il prestito vero e proprio permettono di comprendere quanto sia eticamente diverso l’approccio che ha portato alla nascita di questa nuova modalità di intendere l’economia, difatti:

  • I tassi di interesse sono bassi
  • Viene fornita assistenza e analisi delle attività economiche intraprese
  • Un equilibrio reale tra l’interesse degli agenti finanziatori e chi riceve il prestito di microcredito

Il microcredito in Italia, come richiedere un prestito

come ottenere un prestitoAnche l’Italia è tra i paesi che hanno abbracciato quest’attività economica, proprio con l’obiettivo di incentivare il lavoro autonomo e di emancipare dalla povertà una fetta della popolazione che versa in condizioni preoccupanti. È nato un ente, che si occupa di questo dal 2011, sulle basi del precedente Comitato Nazionale Italiano permanente per il Microcredito.

L’Ente Nazionale per il microcredito inserisce nei propri programmi i soggetti fuori dalle possibilità di prestiti bancari tradizionali, come hanno fatto la Grameen Bank e le altre realtà. Per regolare la sua attività è stato emesso un decreto legislativo del 2010, che definisce quali categorie possono accedere e richiedere un prestito per la microimpresa o per uscire dalla soglia di povertà.

Ecco chi può chiederlo:

  • Persone, associazioni, società che desiderano mettersi in proprio e gestire un’impresa
  • Persone fisiche in situazione comprovata di povertà e fragilità sociale

A queste ultime vengono garantiti importi fino ai 10.000 euro, mentre per l’avvio della microimpresa la cifra ammonta a 25.000 euro. In alcuni casi si arriva ai 35.000, se ad esempio viene rateizzato il prestito e l’azienda si mostra regolare nell’assolvere il debito e persegue correttamente gli obiettivi preposti nel piano di sviluppo che il finanziatore ha contribuito a redigere.

La formazione e i master sul microcredito

Nonostante il successo di Yunus, il banchiere dei poveri, che con la vittoria del premio Nobel per la pace nel 2006 ha contribuito al successo dei microcredito, non c’è ancora una larga diffusione di questi temi. Molti ancora si domandano cos’è il microcredito e come funziona, vogliono capire meglio le dinamiche che lo rendono possibile e soprattutto conoscere gli esempi pratici che hanno registrato dei successi tangibili.
Il Master di I Livello in Microcredito: Nascita e sviluppo della microimpresa, presso l’Università Niccolò Cusano, si pone come protagonista principale all’interno del dibattito formativo su questo argomento. L’obiettivo è quello di creare personalità eticamente disposte ad investire la propria professionalità e formazione come operatori del microcredito, nella gestione di progetti di intermediazione economica a favore di tutte quelle frange più sfortunate della popolazione.

La creazione di programmi di sviluppo e di nuove attività produttive sono il primo passo verso l’eliminazione della povertà e l’accompagnamento ad una condizione di autonomia finanziaria reale, basata sulla responsabilizzazione e l’indipendenza nella gestione di un proprio progetto di impresa.

Chi già lavora in questo settore troverà approfondimenti proficui per andare più a fondo nella professione e ricoprire ruoli legati alla microfinanza anche nel mondo delle istituzioni.

Il Master ha la durata di 1500 ore, un corpus di formazione molto intenso e trasversale, che abbraccia le discipline più strettamente economiche e quelle più etiche e di cooperazione internazionale. Un’occasione d’oro, per portare abbondanza anche in quelle aree o in quegli angoli in cui non si è ancora manifestata.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali