informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Tutto quello che devi sapere sulla sicurezza alimentare

Commenti disabilitati su Tutto quello che devi sapere sulla sicurezza alimentare Studiare a Genova

Oggi la maggior parte di noi – giustamente – si preoccupa di sapere quanto un cibo sia sano. Forse però sarebbe più giusto ampliare il discorso e parlare di sicurezza alimentare. Infatti, quando si parla di cibo, salute e sicurezza sono strettamente collegate. Vuoi conoscere tutto ciò che c’è da sapere? Leggi questo articolo dello Staff di Unicusano Genova. Scoprirai aspetti che probabilmente non conosci e magari, un volta completata la lettura, avrai voglia di approfondire ancora di più il tema!

Cos’è la sicurezza alimentare?

Quello della sicurezza alimentare è un tema decisamente ampio. Per dare una definizione potremmo dire che si tratta di tutte quelle pratiche volte a garantire alla persona – in modo costante e vario – cibo e acqua in condizioni igieniche opportune.

Come vedi dunque stiamo parlando di qualcosa che vive contemporaneamente su due piani connessi tra loro: il piano etico e quello materiale. Etico perché stiamo parlando del principio che sancisce che nel mondo tutti devono avere la sicurezza di poter accedere sempre ad un’alimentazione sufficiente e nutriente. Materiale perché il cibo e l’acqua devono sottostare a determinate regole affinché non rechino danni alla salute del singolo.

Una distinzione economica

Per questi motivi possiamo dire che ciò che fa la differenza nella definizione di questo argomento è un criterio socio-economico.

  • nei paesi in via di sviluppo, dove le popolazioni sono a rischio di denutrizione, nella sicurezza alimentare rientrano tutte le misure studiate ed applicate per garantire alle persone scorte di cibo sufficienti alla sopravvivenza. Dunque, possiamo anche parlare di sovranità alimentare.
  • Nei paesi dove non esiste il pericolo di carestie, assume una dimensione più qualitativa ed è perciò sinonimo di igiene alimentare.

L’igiene alimentare: l’HCCP

Un cibo sicuro è in ogni caso un prodotto lavorato e preparato secondo delle severe norme igieniche. L’insieme di tutte queste norme è procedure è nell’HCCP, acronimo di Hazard Analysis and Critical Control Point. Letteralmente singifica sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici. In pratica, è un compendio che si basa sul principio del “meglio prevenire che curare” e comprende tutte le regole per prevenire le problematiche legate ad una scarsa igiene nella lavorazione degli alimenti.

L’origine

L’HCCP nasce negli Stati Uniti negli anni 60 per fornire agli astronauti dei cibi che non rappresentassero un rischio, né per la loro salute, né più in generale per la missione nello spazio. In Europa l’obbligo di applicare questo protocollo è stato introdotto negli anni ’90. Oggi, tutti coloro che si occupano di:

  • produzione primaria,
  • preparazione,
  • trasformazione,
  • confezionamento,
  • deposito,
  • trasporto,
  • distribuzione,
  • manipolazione,
  • vendita ,
  • fornitura

di cibo hanno l’obbligo di applicarlo. Come vedi, si tratta di una gamma di imprese vastissima che spazia dal piccolo chiosco sotto casa, alla grande distribuzione, passando per il banco del mercato per arrivare al ristorante stellato. Ecco perché la Commissione Europea ha redatto delle Linee Guida Generali, che danno indicazioni per un’applicazione semplificata.

Le caratteristiche del protocollo

Il protocollo HCCP si basa sul monitoraggio dei punti di lavorazione dove c’è rischio di contaminazione biologica, chimica o fisica e serve a garantire la totale sicurezza alimentare. Di fatto è un sistema di prevenzione, che prende in considerazione tutti i potenziali rischi, prima che la materia prima venga lavorata. In questo modo, non dovrebbe esserci il rischio che il prodotto finito non sia pericoloso per il consumatore finale.

È una garanzia di sicurezza su tutta la filiera alimentare ed ha uno scopo che va oltre la soddisfazione del cliente: è un protocollo che rappresenta un importantissimo tassello della tutela della salute pubblica.

I sette principi del sistema

I punti fondamentali per l’applicazione del protocollo HCCP sono 7:

  1. individuazione dei pericoli e analisi dei rischi – per capire i potenziali pericoli;
  2. individuazione dei punti di controllo critici – per capire dove e quando possono verificarsi;
  3. definizione dei limiti critici – per stabilire oltre quali standard un pericolo può essere considerato tale in un determinato punto critico;
  4. definizione delle procedure di monitoraggio – per definire le misure di monitoraggio dei punti precedenti;
  5. definizione e pianificazione delle azioni correttive – per sapere come agire in anticipo qualora in seguito al monitoraggio risulti una situazione rischiosa;
  6. definizione delle procedure di verifica – per verificare che tutte le procedure siano efficaci;
  7. definizione delle procedure di registrazione – per dimostrare l’effettiva applicazione del protocollo.

Lavorare per la sicurezza alimentare

Se già lavori nel settore alimentare, è obbligatorio avere una formazione specifica su tutto ciò di cui ti abbiamo parlato finora. A questo proposito, potrebbe interessarti scoprire come diventare consulente HCCP. Oppure, un’altra carriera possibile è quella presso l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare. È un’agenzia dell’Unione Europea istituita nel 2002 che da allora collabora con la Commissione, il Parlamento e tutti gli stati europei per prendere decisioni utili e puntuali in materia di sicurezza alimentare.

Il percorso di formazione

Con una Laurea in Ingegneria Agroindustriale potrai acquisire tutte le competenze necessarie per fornire una consulenza specialistica in materia di rischi associati alla cena alimentare. Compila il form e inizia a studiare già da ora per costruire un futuro migliore per tutti!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali