informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Scrivere un racconto fantastico: consigli per stimolare la creatività

Commenti disabilitati su Scrivere un racconto fantastico: consigli per stimolare la creatività Studiare a Genova

Scrivere un racconto fantastico può seriamente diventare una delle attività più entusiasmanti della tua vita. Amori minacciati da draghi, intrighi tra troll ed esseri umani e tante altre sorprese sono gli ingredienti base di storie che per convincere il lettore hanno bisogno di un tocco magico: una buona struttura e una conoscenza approfondita dei mondi che si andranno a costruire. L’immaginazione fa da sfondo ad una precisa impostazione. In questo articolo ti offriamo spunti e consigli utili dare vita ad una narrazione di fantasia convincente e capace di suscitare forti emozioni.

Scrivere un racconto fantastico: i primi passi

Se hai sentito dentro di te l’esigenza di metterti di buona lena per creare la tua prima storia “fantasy” probabilmente già conosci il genere. Magari hai già dimestichezza con le tecniche di scrittura creativa e scrivere racconti brevi è uno dei tuoi passatempi preferiti. Bene, chi ben comincia è a metà dell’opera.

La tua storia dovrà possedere:

  • Personaggi fantastici
  • Ambientazione
  • Periodo storico
  • Elementi soprannaturali

esempio racconto fantasy

Non è detto che fin da subito tu abbia chiaro in testa tutto ciò che occuperà le pagine. La storia molto spesso si evolve da sé, è dinamica e si trasforma piano piano, mentre aggiungi un dettaglio può emergere l’idea per una futura

azione da far compiere ai personaggi, fino a quando non si dispiega tutta la successione di eventi che porta alla fine dell’intreccio.

 

Capita spesso che un aspirante autore sia vittima del cosiddetto “blocco dello scrittore”, quel senso di impotenza e immobilità che giunge di fronte ad un foglio bianco che dev’essere riempito con una narrazione.

Per sviluppare idee brillanti anche i più grandi scrittori di storie fantasy vanno alla ricerca di intuizioni.

Dove?

  • Leggendo riviste e articoli insoliti (pianeti appena scoperti, animali apparentemente fantasioni, etc)
  • Leggendo i classici di letteratura fantasy
  • Annotando sogni e idee improvvise durante la giornata

Anche la più piccola scintilla di genio può essere il nucleo centrale di un futuro successo letterario del genere fantastico. A seconda delle caratteristiche dell’ambientazione e dell’epoca in cui è ambientata la storia si possono ripercorrere diversi filoni:

  • Fantasy medievale
  • Fantasy fiabesco
  • Fantascienza
  • Urban fantasy
  • Dark fantasy

Allora non ti resta che drizzare le antenne e captare informazioni utili a stimolanti a far girare le rotelle della fantasia per creare i tuoi personaggi, immergerti nella studio della loro psicologia per trasmetterla ai futuri lettori.

Inventare nuovi mondi di fantasia

Già descrivere il nostro mondo non è facile. Inventarne di sana pianta di nuovi può essere altrettanto difficoltoso. Ma chi ha la stoffa dello scrittore fantasy trova quest’attività un gioco da ragazzi. Anche in questo caso i classici da leggere sono tanti e tutti utilissimi ad apprendere le tecniche del mestiere.

Pensate a Tolkien con Il Signore degli Anelli. Fu in grado di ricreare interi contenenti, con mappe e regioni che possedevano lingue con storie precise, pronunce e modi di dire esclusivi e plausibili. Forse non diventerai il Tolkien del Nuovo Millennio, ma tanto vale tentare.

Da dove iniziare? Cerca di immaginare a occhi chiusi com’è fatto il mondo in cui si svolge la tua storia. Dovrai avere delle immagini ben nitide nella mente. Solo così potrai riuscire a descrivere città e villaggi con le loro relative case, piazze, luoghi magici che saranno lo scenario delle avventure.

Non lasciare da parte i dettagli. Prova ad esercitarti tratteggiando ciò che vedi in una scena reale intorno a te. Tieni traccia di ogni cosa:

  • Piante e vegetazione
  • Persone e animali
  • Edifici e macchine
  • Profumi e suoni

Più sarai minuzioso più il lettore avrà la possibilità di immedesimarsi. Una volta che avrai raccolto sufficienti dettagli prova a trasformarli in maniera fantastica. Un esempio? Come sarebbe una pianta del futuro? Avrebbe delle proprietà particolari? Oppure fai evolvere un animale domestico in un essere mitologico con poteri soprannaturali incredibili. La fantasia è a portata di tutti, basta allenarla!

Dopo aver strutturato attentamente e in maniera organizzata il mondo (o gli universi) della storia puoi disegnare una mappa. Questo elemento ritorna spesso nei racconti brevi fantasy e nei romanzi di avventura ed è un aspetto molto apprezzato dagli estimatori del genere. Per tornare a Tolkien possiamo fare l’esempio della mappa della Terra di Mezzo.

In questa fase puoi dare spazio a tutte le tue abilità creative, anche a quelle da disegnatore ed esperto di grafica, crea simboli per ogni città, trova elementi grafici chiari e comunicativi per indicare la presenza di fiumi, montagne magiche, ponti maledetti, castelli incantati. Coinvolgi qualche amico nella realizzazione di questa impresa, sarà felice di aiutarti a scrivere un racconto di avventura.

Trovare lo spazio temporale giusto

Quando si parla di tempo in un racconto breve (ma anche in un romanzo) lo si intende in due accezioni diverse:

  • La successione degli eventi nella storia
  • L’epoca storica in cui si svolge la narrazione

Sono di importanza cruciale entrambi gli aspetti. Per inquadrare con precisione un’epoca storica ci sarà bisogno di molte ricerche. Non ti spaventare, non è come studiare per l’università! È molto più interessante, perché troverai moltissime cose che ti cattureranno l’attenzione e che subito sentirai perfette per dare ricchezza e profondità al racconto al quale stai lavorando.

Ricostruire fedelmente un’epoca significa sapere cosa si mangiava ai tavoli delle osterie ai quei tempi, conoscere la moneta utilizzata, come venivano costruite le case e tutti gli usi e i costumi della popolazione.

La successione degli eventi invece include un discorso diverso sul concetto di tempo. Nel racconto breve avrai poco spazio per far invecchiare i personaggi o per seguirli dalla nascita all’età adulta, dovrai condensare ciò che succede in poche pagine trattenendo le parti salienti.

La forma romanzo invece lascia ampi margini per entrare nel vivo della storia, per accompagnare i tuoi protagonisti in tutte le fasi della loro vita e fargli sperimentare anche diverse fasi storiche.

Gli elementi soprannaturali e fantastici

Veniamo al dunque. Non esiste storia fantasy o fantastica senza elementi soprannaturali.

La magia è ben accetta, ma anche tutto ciò che riguarda l’esoterico e il misterioso, come fantasmi, spiriti maligni e vampiri. Nel caso della fantascienza tutto è consentito, dall’immortalità fino al teletrasporto. Questo è il bello del genere: ogni cosa è possibile! Apri i tuoi orizzonti e libera la fantasia.

Ma attenzione! Devono esistere delle regole e le devi inventare tu. Per dare credibilità alla storia hai il compito di organizzare i poteri e gli aspetti insoliti in modo funzionale all’avventura.
I poteri possono essere appannaggio solo di alcune creature, mentre altre possono avere doti guerriere o saggezza. Una determinata tecnologia spaziale ha un funzionamento con leggi proprie che non possono essere modificate per non incappare in conseguenze nefaste.

Se è vero che tutto è possibile, tutto deve avere ragione di esistere. Non lasciarti prendere la mano dalla fantasia fine a sé stessa ma sii in grado di trovare la logica sottesa sotto il mondo creato.

Un altro aspetto importante riguarda i nomi di cose, persone, luoghi e altro. In questo puoi sbizzarrirti, è davvero un esercizio di ingegno e pura creatività, grazie al quale battezzi i personaggi e le città attingendo da lingue diverse, dai tuoi film preferiti o dalla più sfrenata immaginazione.

Come hai visto c’è davvero un universo dietro la scrittura di genere fantastico. Quello che ti aspetta è eccitante e impegnativo, ma quando avrai messo la parola fine ti sentirai pieno e soddisfatto, orgoglioso della tua opera. Il genere fantasy continua ad incantare

come scrivere un racconto breve

milioni di persone, nel corso della storia ha sempre visto crescere il numero di estimatori fino a giungere ad un successo senza eguali anche grazie all’estensione nei giochi di ruolo e nei video games.

Chissà, magari avrai la fortuna di fare successo e il tuo racconto sarà tra i primi in classifica!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali